150 ore diritto allo studio 2013 ecco la normativa

Quanti sono gli studenti universitari, e non solo, che per non gravare sul bilancio famigliare, decidono di lavorare part time? Sempre di più: in questo modo si può continuare a studiare e raggiungere al contempo, una certa indipendenza economica. Lavorare per pagare gli studi, per sentirsi più autonomi o per aumentare in futuro la propria qualifica professione: proprio per questo esistono per gli studenti lavoratori delle leggi che prevedono importanti agevolazioni per il diritto allo studio.

In particolare i lavoratori universitari che devono sostenere un esame, hanno diritto a permessi giornalieri retribuiti, nonché a svolgere turni lavorativi agevolati e alle 150 ore: vediamo di cosa si tratta e come usufruirne.

Che cosa sono e come funzionano le 150 ore

Le 150 ore consistono nella possibilità, da parte dei lavoratori, di frequentare corsi e lezioni, quindi per motivi di studio, per un totale di 150 ore. I contratti nazionali, che sono differenti per ogni categoria di lavoratore, disciplinano i metodi e contemplano la normativa per usufruire di tali ore. Le 150 ore vengono configurate come “permessi straordinari retribuiti”, sono suddivise in 50 ore annuali per tre anni. Se quindi orario di lavoro e orario di frequenza delle lezioni coincidono, é possibile usufruire di questa possibilità (riconosciuta anche per le università telematiche).

150 chi ha diritto

Ha diritto ogni lavoratore iscritto a corsi regolari di studio presso una scuola legalmente riconosciuta.

Quando chiedere e come usufruire delle 150 ore

Come richiedere e utilizzare le 150 ore? Lo studente-lavoratore deve presentare una domanda alla direzione del luogo di lavoro e successivamente dovrà presentare le certificazioni mensili di frequenza ai corsi di studio. A questo link possiamo scaricare e stampare un fac simile modulo richiesta 150 ore.

150 ore e fuori corso

Anche gli studenti fuori corso hanno diritto alle 150 ore. Uno studente lavoratore e fuori corso ha diritto alle 150 ore e deve chiederle nelle modalità sopra descritte.

150 ore e TFA

Ovviamente anche chi lavora nelle scuole ha diritto alle 150 ore: possono essere richieste dal personale docente ed educativo, dal personale Ata, assunto sia a tempo indeterminato (full o part time) che determinato (con contratto annuale o fino al termine delle attività didattiche (sia full time che part time).

Hai bisogno di aiuto?