Auto danneggiata da ignoti

Purtroppo è successo anche questa volta: sei andato a fare la spesa al supermercato in macchina, l’hai parcheggiata per qualche minuto e al tuo ritorno ti sei trovano una riga sulla portiera e un nuovo bollo al paraurti. Quando la tua auto è danneggiata da ignoti è sempre difficile essere risarciti dei danni.

In questa guida ti spiego che cosa fare quando la tua auto è danneggiata da ignoti, come richiedere un risarcimento alla propria assicurazione, come avviene il risarcimento danni e come si quantifica, cosa fare nel caso della macchina rigata, cosa cambia in base al tipo di parcheggio dove hai lasciato la tua auto.

Assicurazione

Se hai stipulato una polizza che copre i danni derivanti dagli atti di “vandalismo” (oltre agli altri), molto probabilmente l’assicurazione non ti risarcirà il danno. La compagnia infatti non inquadra i danni derivanti da ignoti come atti di “vandalismo”.

Non puoi ottenere il risarcimento neanche dal “Fondo di garanzia vittime della strada”: il fondo opera solo se i danni hanno colpito la persona. Se quindi sei tu a farti male a causa di ignoti, il Fondo copre i danni, se invece é la tua auto soltanto ad essere danneggiata la risposta é negativa: non hai diritto al risarcimento.

Risarcimento danni

La compagnia assicuratrice non riconosce i danni da ignoti come atti vandalici e quindi non li risarcisce. La regola generale prevede che neanche il Fondo Garanzia Vittime della Strada debba risarcirti: lo fa solo per i danni alla persona e non alle cose.

Tuttavia, una recente modifica del regolamento del Fondo, ha introdotto la possibilità di ottenere il risarcimento dei danni anche per l’auto danneggiata, ma solo se sussistono queste condizioni:

  • Dall’incidente sono derivati anche gravi danni alla persona, che hanno determinato anche almeno il 9% di invalidità permanente;
  • Il danno alle cose supera i 500 euro. Il risarcimento sarà quindi garantito solo oltre tale soglia.

Esempio

La tua auto in sosta subisce un danneggiamento da ignoti, che non riesci a identificare. Vieni colpito anche tu e i danni alla tua auto sono di 900 euro. Otterrai un risarcimento per la tua persone e in più anche 400 euro per danni alla tua auto.

Macchina rigata

Le righe alla macchina fate con le chiavi, con chiodi o chissà con quali altri attrezzi, rientrano tra gli atti vandalici. Se quindi la tua polizza di assicurazione contiene anche la copertura contro gli atti vandalici, puoi ottenere il risarcimento dei danni subiti dalla tua auto. Procedi quindi così:

  1. Recati presso la stazione dei carabinieri e sporgi denuncia, la cui copia é necessaria per chiedere il risarcimento alla tua compagnia.
  2. Contatta la tua compagnia per la richiesta di risarcimento.

A questo punto la tua compagnia invierà sul posto un perito che verificherà e quantificherà il danno subìto dalla tua auto in sosta. A volte infatti, sebbene a primo impatto un graffio sembrerebbe un atto vandalico, potrebbe rivelarsi un danno dovuto alla classica circolazione, non coperto da questa garanzia.

Attenzione

L’assicurazione non copre tutti i costi dovuti ad vandalici, ma solo quelli oltre una determinata somma, prevista nel tuo contratto di assicurazione. se quindi si tratta di un danno minore potresti non essere risarcito.

Attenzione

La copertura per gli atti vandalici copre solo i danni alla carrozzeria e non ai vetri, per i quali é necessaria la “polizza cristalli”.

Sosta in parcheggi

Al supermercato, nel parcheggio condominiale, in albergo, in hotel: purtroppo capita che l’auto venga danneggiata quando é in sosta e tu non ci sei. In questi casi le possibili situazioni sono due:

  1. Il parcheggio é a pagamento ma non é custodito. E’ il tipico caso del parcheggio del supermercato o dell’aeroporto che, seppur a pagamento, non sono custoditi e quindi in caso di danni da ignoti non ne rispondono.
  2. Il parcheggio é a pagamento ed é custodito. E’ il caso del parcheggio di alberghi o hotels: in tali circostanze tra l’albergatore e il proprietario dell’auto si conclude un ordinario contratto di deposito (regolato dall’art. 1766 e ss. del codice civile) e quindi il primo é responsabile per i danni avvenuti durante la custodia. Ne è responsabile anche in caso di furto (Cassazione sentenza 6048/10).

Parcheggio condominiale

Se hai parcheggiato l’auto in un parcheggio condominiale, che sia il tuo condominio o altrui, hai due possibilità in caso di danni provocati da ignoti:

  1. Se si tratta di atti vandalici (per esempio una rigata sulla portiera) puoi chiedere il risarcimento alla tua compagnia assicuratrice, se hai una polizza che copre gli atti vandalici.
  2. Se non hai una polizza che copre gli atti vandalici e non hai idea nè puoi dimostrare chi é stato a provocarti il danno, il condominio non risponde per i danni. Solo in caso di danni anche alle persone potrai chiedere il risarcimento al Fondo di garanzia delle vittime della strada.