Bonus bebe 2014 regione Lombardia

Per i residenti nel Comune di Milano e per tutta la regione Lombardia (sia per gli italiani che per i stranieri regolari), sono previsti, per il 2014, due i tipi di bonus bebè:

1. il bonus del Fondo Nasko dedicato alle donne che decidono di non abortire pur essendo in condizioni di disagio economico. In questo caso é previsto un bonus di 3mila euro diviso in rate da erogare mensilmente per un massimo di 18 mesi.

2. Il bonus del Fondo Cresco dedicato alle famiglie lombarde con bambini tra 0 e 12 mesi e che si trovano in condizioni di difficoltà economiche. In questo caso é prevista l’erogazione di un bonus fino ad un massimo di 900 euro per l’acquisto di beni alimentari per l’allattamento.

Di seguito i requisiti per richiedere e ottenere i bonus bebè 2014.

Bebè

1. Fondo regionale Nasko. Requisiti per ottenere il bonus:

– certificato attestante il precedente colloquio con il consultorio per richiesta di interruzione volontaria di gravidanza;
– residenza nella regione Lombardia da almeno un anno (è quindi un bonus dedicato sia alle donne italiane che straniere);
– attestazione ISEE che dimostri la situazione di difficoltà economica;
– predisposizione di un Progetto personalizzato presso un consultorio, con il quale la donna si impegna a comprare beni per se e per il bambino.

Come viene erogato

Il bonus ammonta a € 3.000 per ogni donna e viene erogato per un massimo di 18 mesi. L’importo viene accreditato ogni mese su una carta prepagata gestita dal consultorio.

Come presentare la domanda

La richiesta e i relativi moduli si possono reperire e presentare presso i Cav più vicini o ai consultori della Regione Lombardia.

2. Fondo regionale Cresco. Requisiti per ottenere il bonus:

– bebè di età compresa tra 0 e 12 mesi e nato nel 2014;
– residenza in Lombardia da almeno un anno (non é quindi necessario possedere la cittadinanza italiana);
– ISEE uguale o minore di 7.700 € annui.

E’ previsto un contributo mensile di 75 euro, per massimo 12 mesi e per un massimo di 900 euro, da destinare esclusivamente all’acquisto di beni alimentari per l’allattamento.Il bonus può essere richiesto presso uno di questi consultori.

Hai bisogno di aiuto?