Bonus mobili 2016 under 35: come funziona

La Legge di Stabilità (legge n. 208 del 28/12/2015), prevede un incentivo per le giovani coppie che acquistano una casa: nello specifico, con l’acquisto di un immobile da adibire ad abitazione principale, le coppie dove almeno uno dei due è under 35, potranno usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici.

L’immobile acquistato, non è necessario che sia sottoposto a interventi di ristrutturazione: avranno quindi diritto al bonus le coppie che decidono di ammobiliare la casa acquistata, che decidano di ristrutturarla o meno. Vediamo nel dettaglio come usufruire, come funziona questo bonus mobili e come calcolare il rimborso IRPEF a cui si ha diritto.

Arredamento

Senza ristrutturazione: prima casa per giovani coppie

Alle spese per acquistare una cucina, la camera da letto, la cameretta o altri mobili da inserire nella casa acquistata, il bonus si applica sul 50% di una spesa massima di 16.000 euro (in basso vedremo un esempio di calcolo). Da’ diritto al bonus:

  • l’acquisto di mobili nuovi. Non è valido per i mobili usati e di antiquariato. Non rientrano neanche le spese per i sanitari del bagno, per i quali a loro volta è possibile usufruire del bonus ristrutturazioni casa.
  • l’acquisto di elettrodomestici “bianchi”, ossia i grandi elettrodomestici di classe A+ (frigoriferi, lavatrici, televisore, lavastoviglie, etc.), mentre per i forni è sufficiente la classe A.

Ricapitolando:

  1. nella coppia (sposata oppure convivente da almeno tre anni), almeno uno dei due deve essere under 35;
  2. la casa deve essere adibita ad abitazione principale;
  3. i mobili devono arredare la casa acquistata;
  4. La detrazione è del 50% su un tetto massimo di 16.000 euro. Il bonus prevede che il rimborso IRPEF avvenga con quote annuali. Esempio: Se si spendono 10.000 euro di mobili, si ha diritto a una detrazione IRPEF di 5.000 euro, che verranno rimborsati con quote annuali di 500 euro;
  5. Il bonus si divide tra gli aventi diritto, per cui, nell’esempio del punto 4, spetta un rimborso annuale di 250 euro di IRPEF.
  6. Il “bonus mobili giovani coppia” non è cumulabile con il bonus ristrutturazioni classiche, di cui abbiamo parlato in questo post Bonus per la casa. Quindi si deve optare o per l’uno o per l’altro.

Pagamento

Per usufruire del bonus, è necessario pagare i mobili con bonifico (bancario o postale) oppure, solo per questo tipo di bonus, anche con carte di credito o con bancomat. Non vale ai fini del bonus, il pagamento con assegni o in contanti.

Per ottenere il rimborso, al 730 occorrerà allegare la ricevuta del bonifico o gli scontrini. Ai fini di rispondere a controlli futuri dell’Agenzia delle Entrate, ricordiamo di conservare sempre le fatture e, per chi ha pagato con POS, una fotocopia dell’estratto conto in cui risulta la spesa.