Come avere un mutuo agevolato

La legge in Italia, cerca di favorire coloro che decidono di acquistare la prima casa tramite finanziamento, prevedendo delle agevolazioni significative: ecco che in tal senso si parla mutui agevolati per comprare la prima casa. Le agevolazioni quindi, in realtà, sono molteplici, ma devono sussistere determinati requisiti e condizioni.

Di seguito una guida completa che elenca le varie agevolazioni previste per chi acquista la prima casa (dal tasso di interesse alle detrazioni fiscali) e i requisiti necessari per accedervi. Prima di cominciare, ricordiamo che, ovviamente, le agevolazioni si applicano una volta sola, per cui un soggetto non può ottenere un mutuo prima casa agevolato se ne ha già beneficiato in passato.

Mutuo

Come avere un mutuo agevolato: requisiti

Residenza: la residenza della persona che chiede il mutuo (mutuatario) deve essere nella città dove si trova la casa. In alcuni casi é possibile anche non avere la residenza, purchè il mutuatario si impegni a sottoscrivere, di fronte al notaio, una dichiarazione di impegno a trasferire la residenza entro 18 mesi.

Proprietà: non sono ammesse altre proprietà residenziali. Il mutuo agevolato viene concesso solo se il soggetto non possiede altri immobili residenziali, per cui, può benissimo anche essere proprietario di altri immobili non residenziali (uffici, magazzini, etc.).

Tipo di immobile: non sono ammesse agevolazioni se si tratta di un immobile di lusso, per esempio le case con superficie maggiore di 240 mq sono considerate di lusso.

Dopo aver visto i requisiti, ecco le agevolazioni previste per il finanziamento di acquisto della prima casa.

Riduzione dell’imposta sostitutiva. Quando la banca eroga il mutuo, sulla somma concessa la mutuatario, viene applicata un’imposta sostitutiva pari al 2% del valore concesso. Per i mutui prima casa l’imposta sostitutiva viene ridotta allo 0,25%.

Detrazione dall’IRE lorda del 19% da applicarsi sia sugli interessi versati dal soggetto che paga il mutuo, sia sugli esborsi per gli oneri accessori legati alla compravendita (per si applicano anche sull’onorario del notaio, costi di perizia, spese di istruttoria, etc.). E’ previsto un limite massimo annuo di detrazione pari a 760 euro. In caso di mutuo per costruzione o ristrutturazione la detrazione massima é pari a 490,63 euro.

Tasso di interesse fisso / variabile: molto spesso, le giovani coppie, possono usufruire di tassi di interesse più bassi rispetto a quelli di mercato. Inoltre delle volte, possono accedere anche a mutui che coprono quasi la totalità del prezzo dell’immobile (superando quindi la soglia standard pari all’80%).

Altre agevolazioni: a volte lo Stato, le Regioni o altri Enti Locali intervengono a favore di chi chiede un mutuo prima casa, con apposite norme ad hoc o precisi bandi, per venire in aiuto dei mutuatari e sostenerli nell’acquisto della prima abitazione.

Hai bisogno di aiuto?