Come calcolare l’IVA al 22 per cento

Il 1 ottobre 2013 é scattato l’aumento dell’IVA, che passa dal 21 al 22%. Evidentemente per i nostri governatori, per finanziare la spesa pubblica, non é sufficiente la pressione fiscale che già grava sui cittadini e che sta portando al collasso l’economia italiana. Ma questo é un altro discorso. Passiamo direttamente alla parte pratica e vediamo come calcolare l’IVA al 22 per cento ed anche il caso contrario, ovvero come scorporarla.

Partiamo da un presupposto: succede spesso che, chi deve fare un acquisto, riceva un preventivo con l’indicazione “IVA esclusa”: significa che quello é l’importo netto, a cui dobbiamo aggiungere appunto l’IVA al 22%. Di seguito vediamo le formule e alcuni esempi di calcolo.

Supponiamo che decidiamo di acquistare un bene, il cui costo é di 130 euro, IVA esclusa. Come si calcola il prezzo finale comprensivo di IVA al 22%? Basta prendere l’importo indicato nel preventivo, moltiplicarlo per 22 e poi dividerlo per 100. Il risultato poi, si somma al costo netto. Vediamo:

130 x 22 : 100 = 28,6 euro (IVA al 22%)

130 + 28,6 = 158,6 euro (prezzo totale comprensivo di IVA).

E se invece volessimo fare l’operazione contraria, ovvero abbiamo il prezzo finale da cui scorporare l’IVA? Per esempio, abbiamo un bene che costa 150 euro, comprensivo di IVA. A quanto ammonta l’IVA?

Occorre impostare questa formula. Supponiamo che “T” é l’importo totale:

costo netto del bene = T : 1,22
importo dell’IVA = totale – netto.

Esempio: il prodotto costa 150 euro IVA compresa, calcoliamo:

il costo netto IVA esclusa = 150 € : 1,22 = 122,95 €
quindi l’importo dell’IVA é pari a = 150 € – 122,95 € = 27,05 €

Per coloro che necessitano di effettuare molti calcoli e non hanno voglia e tempo, su internet ci sono tanti siti gratis che permettono di calcolare e scorporare l’IVA, in maniera semplice e veloce, inserendo solo gli importi. Questi calcoli possono essere velocemente eseguiti anche con un foglio Excel.

Hai bisogno di aiuto?