Come cambiare banca

Possiedi un conto corrente solo per l’accredito della pensione o dello stipendio, un bancomat, una carta di credito. Finora ti eri trovato bene con la tua banca, ma dopo che hai iniziato a guardarti un po’ intorno, ti sei accorto che il tuo conto corrente non è poi così vantaggioso e hai deciso di cambiare. Ma come si fa? Come cambiare banca, senza dover affrontare spese?

In realtà è molto più semplice di quanto si possa pensare. Se non hai un prestito o un mutuo acceso presso la tua banca, puoi cambiare conto corrente quando vuoi. Vediamo come fare.

Euro

Come cambiare banca

1. Trova un’altra banca. Il primo passo da fare è quello di ricerca. Su internet ci sono tantissimi comparatori di conti correnti online ed è possibile informarsi su svariate offerte nel settore.

2. Ora recati presso la banca prescelta e chiedi di aprire un conto corrente. A questo punto, puoi già richiedere il trasferimento di bollette, utenze varie e della pensione o dello stipendio, alla nuova banca. Informati presso la banca, se possono occuparsi loro dei vari trasferimenti o se devi essere tu a contattare i vari gestori affinchè trasferiscano addebiti presso il nuovo conto. Nella maggior parte dei casi si occuperà di tutto la nuova banca, grazie al servizio di “trasferibilità delle domiciliazioni RID”.

Nel caso di pensione o stipendio, devi rivolgerti al tuo datore di lavoro o all’INPS e comunicare le nuove coordinate bancarie presso cui effettuare il bonifico mensile.

Se hai scelto una banca online, per aprire il nuovo conto corrente. non sarà necessario recarti presso una sede fisica: i moduli sono scaricabili online, insieme alle istruzioni e agli indirizzi di spedizione dei documenti.

3. Attendi. Aspetta un paio di mesi e controlla se è tutto a posto, ossia se tutti gli addebiti e gli accrediti vengono effettuati sul nuovo conto corrente e non più sul vecchio. Così non rischierai di chiudere il vecchio conto, su cui magari sarà addebitata la bolletta o accreditato lo stipendio.

4. Una volta verificato che tutto è andato bene e tutto è stato trasferito al nuovo conto, non devi far altro che “liberare” il vecchio conto: se ci sono ancora dei soldi, effettua un bonifico al nuovo conto, oppure, se si tratta di una modica somma, prelevala al bancomat. Ricorda di lasciare una ventina di euro, per spese eventuali che potrebbero esserci alla chiusura.

5. Chiudi il vecchio conto. Finalmente ora potrai contattare la tua vecchia banca e chiedere la chiusura del vecchio conto corrente. Dovrai consegnare, se ce l’hai, il libretto assegni, il bancomat e la carta di credito, che l’operatore dello sportello annullerà davanti a te. Di solito la chiusura di un conto corrente è senza spese, gratis.

Hai bisogno di aiuto?