Come diventare doppiatore di film

Una figura sicuramente affascinante quella del doppiatore. Come dimenticare il grande Ferruccio Amendola che per anni ha prestato la sua voce a Robert De Niro? Non vi dicono nulla i nomi di Roberto Pedicini o Francesco Pannofino? Ebbene, stiamo parlando dei doppiatori del frizzantissimo Jim Carrey e del tenebroso George Clooney.

Anche se non sempre il doppiatore diventa famoso e conosciuto come il personaggio a cui presta la voce, questa professione é sicuramente molto ambita, soprattutto da chi é sicuro di avere una voce bella, calda, accogliente, ma anche frizzante, curiosa, simpatica… Perchè per ogni personalità serve un doppiatore!

Come diventare doppiatore di film, cartoni animati o messaggi radiofonici? Come dice Danilo De Girolamo, presidente dell’ANAD (Associazione Nazionale Attori Doppiatori), il doppiatore può essere paragonato a un mediatore culturale che comunica emozioni, é un interprete che riporta nella nostra lingua il contenuto di un’opera che nasce con un altro idioma, ne deve quindi interpretare non solo la lingua, ma anche il senso della battuta, il dato emozionale.

Si può sicuramente partire dalla frequentazione di scuole di doppiaggio, a Milano, Roma, Torino, Bologna, scuole di recitazione e dizione, che sono molto importanti e ci aiutano ad affinare l’arte della voce. La cosa migliore sarebbe quella di affiancare a un corso di recitazione e doppiaggio, anche la frequentazione di sale di doppiaggio (quindi meglio scegliere una scuola che preveda questo tipo di attività).

Solitamente questi corsi di doppiaggio sono a numero chiuso (si accede previo colloquio dove si verifica la reale attitudine) e con frequenza obbligatoria. Al termine del corso viene chiesto agli allievi di realizzare un doppiaggio professionale. Dopo gli studi dovremo iniziare la ricerca di lavoro: partecipando a provini organizzati da direttori del doppiaggio, ma possiamo anche optare per altre professioni affini, come quella di lettore di testi (pubblicitari per esempio), attore, cantastorie.

Quanto guadagna un doppiatore?

Solitamente questa categoria professionale non é pagata con uno stipendio fisso, ma per ogni riga di copione e il compenso varia se si tratta di telefilm o cartoni animati: i guadagni non sono alti come alcuni potrebbero pensare! Si può guadagnare un normale stipendio, più, o meno, il tutto dipende appunto da quanto si lavora. Diverso é il caso in cui ci si trovi a doppiare un attore famoso, si guadagna di più, ma non si arriva di certo alle cifre guadagnate dai grandi attori.

Hai bisogno di aiuto?