Come funziona il condono fiscale

Cos’è un condono fiscale? Il condono fiscale (detto anche condono tributario), come é facile intuire, é legato alle tasse. Viene messo in atto dal Governo attraverso un decreto legge e prevede l’annullamento parziale o totale di una sanzione e/o di una pena, ai cittadini di cui risulta una irregolarità fiscale.

Cosa sana il condono fiscale? Solitamente si riferisce a situazioni irregolari di un contribuente, spesso sulla sua dichiarazione dei redditi, che può risultare, non fedele o omessa. Il condono fiscale nella maggior parte dei casi viene attuato su una parte del reato fiscale; quando invece il governo sana completamente, sotto tutti gli aspetti fiscali la posizione del contribuente, si parla di condono tombale. Come funziona il condono fiscale? Come aderire?

Come appena spiegato quindi, il condono fiscale (non tombale) nella maggior parte dei casi non è una sanatoria di tutta la posizione fiscale, ma solo di parti di essa. Solitamente il condono fiscale riguarda solo una percentuale della tassa dovuta, le multe e gli interessi di mora maturati dal giorno della scadenza che, nel caso siano trascorsi anni, non sono pochi. Quindi, la restante parte di tasse omessa, o irregolarmente dichiarata, va invece versata.

Il condono fiscale può quindi anche prevedere che sia sufficiente pagare soltanto una parte (una percentuale) delle imposte dovute, non necessariamente l’intera somma. È il governo, nel decreto legge che emana, a stabilire i limiti e le modalità di richiesta del condono fiscale, determinandone le tipologie di tasse e il campo d’azione per cui si può chiedere.

Come usufruire del condono fiscale? Solitamente il versamento delle somma dovute deve avvenire, verso l’Agenzia delle Entrate, in unica soluzione e nei termini stabiliti dal decreto. Se non siamo troppo esperti, possiamo rivolgerci a un commercialista per il disbrigo delle pratiche e per i pagamenti da effettuare.

I condoni fiscali in Italia:

1982: Governo Spadolini (Rino Formica Ministro delle Finanze)
1991: Governo Andreotti (Rino Formica Ministro delle Finanze)
2003: Governo Berlusconi (Giulio Tremonti Ministro delle Finanze)
2009: Governo Berlusconi (Giulio Tremonti Ministro delle Finanze)

Hai bisogno di aiuto?