Come funziona il decreto ingiuntivo

Siamo titolari di un’attività e c’è un nostro cliente che non ci paga il suo debito? Siamo stati costretti a rivolgerci a un avvocato, il quale ci ha riferito che, al fine del recupero del credito, é possibile procedere con la richiesta di decreto ingiuntivo. Come funziona il decreto ingiuntivo? Cos’é, di cosa si tratta?

Il ricorso per decreto ingiuntivo è uno dei procedimenti più utilizzati per recuperare crediti aziendali e, talvolta, anche privati (per esempio decreto ingiuntivo per il recupero delle spese straordinarie per il mantenimento dei figli). È una forma di recupero del credito speciale, più veloce rispetto a quella ordinaria. Qual é il funzionamento di questo istituto?

L’azienda creditrice, per avviare un procedimento di credito ingiuntivo, tramite avvocato, deve possedere una prova scritta attestante il credito (nel caso delle aziende, è costituita dalla fattura accompagnata dall’estratto autentico, talvolta si allegano anche i documenti di trasporto, meglio ancora se sono firmati dal debitore per ricevuta della merce). Se possediamo questi documenti, possiamo presentare un ricorso al giudice del luogo dove ha sede la nostra azienda. Se il debitore é un consumatore, il ricorso va invece presentato al giudice del luogo di residenza del cliente.

Cosa succede una volta presentato questo ricorso? In poche parole, nel ricorso ingiuntivo si chiede al giudice, dimostrando il credito con i documenti di cui sopra, di ordinare al debitore di pagare, ovviamente se il ricorso viene accolto. Il giudice a questo punto, se accoglie la nostra richiesta, notifica il decreto ingiuntivo al debitore, ordinandogli di pagare. Quando il debitore riceve il decreto ingiuntivo, può succedere che:

– il debitore non faccia opposizione; il decreto diventa quindi definitivo, esattamente come una sentenza emessa in una causa ordinaria. Il debitore deve pagare, l’obbligo diviene anche a titolo esecutivo e se non procede al pagamento può essere promosso anche un pignoramento nei suoi confronti.

– Il debitore fa opposizione. Si apre quindi una causa ordinaria, che purtroppo dura diversi anni.

Lo scopo del decreto ingiuntivo é quindi quello di far ordinare il pagamento da un giudice, affinchè il debitore provveda a saldare quanto dovuto. Se il debitore si oppone però, la finalità del decreto ingiuntivo, che é appunto quella di velocizzare i tempi di riscossione del credito, va in buona parte perduto.

Hai bisogno di aiuto?