Come funziona il prestito d’onore

Il prestito d’onore rappresenta una tipologia di finanziamento agevolato, per il quale non sono richieste garanzie personali: ogni anno Stato italiano e Comunità Europea destinano del denaro allo sviluppo economico di territori e settori, rivolto alla creazione di nuove imprese. Questi finanziamenti agevolati comprendono una parte di contributi a fondo perduto (ovvero che non andranno più restituiti!) e una parte che dovrà essere restituita a tasso agevolato. La gestione dei fondi dedicati a queste iniziative è affidata a Invitalia (Agenzia Nazionale per l’Attrazione di Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa).

Come funziona il prestito d’onore? Quali sono i requisiti per richiederlo? A chi spedire la domanda? Possono accedere al prestito d’onore i cittadini italiani maggiorenni, residenti in Italia da almeno sei mesi e senza occupazione alla data di presentazione della domanda (per dimostrare lo stato di disoccupazione é sufficiente un’autocertificazione).

La domanda va compilata e spedita via internet, sul sito di Invitalia alla sezione Lavoro Autonomo. Contestualmente all’invio telematico, il sistema genera un documento che va stampato, firmato ed inviato (insieme ai preventivi) entro 5 giorni, via Posta raccomandata A/R a questo indirizzo:

INVITALIA AUTOIMPIEGO
Via Pietro Boccanelli, 30
00138 Roma

Quali sono le agevolazioni previste?

Agevolazioni finanziarie: di cui un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato.
Servizi di sostegno: nella fase di realizzazione e di avvio dell’iniziativa, Invitalia offre al beneficiario servizi gratuiti di informazione e assistenza tecnica e gestionale, allo scopo di aiutarlo a rafforzare le proprie competenze gestionali.

Se infatti la richiesta del prestito d’onore viene accettata (riceveremo la risposta entro sei mesi), saremo invitati a firmare un contratto e ci sarà fornito l’accesso a un servizio di assistenza tecnica e gestionale (supporto on line, incontri di gruppo o individuali, etc.).

Possono chiedere il prestito d’onore anche i liberi professionisti iscritti ad un albo (per esempio per aprire uno studio). Non é possibile rilevare un’attività già esistente, l’attività deve essere creata ex novo.

Per maggiori informazioni, dettagli e per inviare la domanda, consultare il sito di Invitalia.

Hai bisogno di aiuto?