Come funziona una carta di credito virtuale

Intesa Sanpaolo, Fineco, BNL, Deutsche bank, Bcc, Poste italiane, Chebanca e tante altre sono le banche che permettono di creare una carta di credito virtuale. Ma cos’è e come funziona questo tipo di carta? Come si genera? Sono previsti dei costi e quali sono i vantaggi rispetto a una carta di credito classica?

I metodi di pagamento su internet ormai sono tantissimi: si può pagare con carta di credito e, per chi è più attento alla sicurezza, si possono usare le carte prepagate oppure il conto Paypal. A questi, oggi si aggiunge anche la carta di credito virtuale.

Carte di credito

Immagina di voler fare un acquisto online e che in quel momento tu non abbia nè una carta prepagata nè un conto Paypal, oppure li hai ma sono a credito zero. Ti rimane solo la tua carta di credito. Magari si tratta di una super offerta online e non vuoi farti sfuggire quell’acquisto.

Allora decidi, per non farti sfuggire l’occasione, di usare la carta di credito per l’acquisto online. Stai per inserire il numero della carta, la data di scadenza e il CVV2, quando vieni improvvisamente colto dall’ansia. E se qualche abile e cattivo hacker in quel momento fosse collegato e ti rubasse i tuoi dati?

Come crearla per fare il pagamento online

Ed è proprio qui che vien in tuo aiuto la carta di credito virtuale: in pratica si tratta di un servizio offerto da molte banche che permette di “camuffare” i codici reali della tua carta di credito reale. Così, se l’hacker sopramenzionato dovesse essere proprio lì per te, con quei codici non potrà farci altro che giocare al lotto e non di certo accedere al tuo conto.

Hai capito bene: la carta di credito virtuale si “appoggia” a una carta di credito reale: non è possibile generare una carta virtuale senza averne una reale! Chiedendo l’attivazione di questo servizio, la tua banca, ti darà, oltre alla carta di credito anche un numero di 16 cifre, una scadenza e un CVV2 fittizi, ma che potrai usare tranquillamente online e i soldi verranno scalati lo stesso, come se tu stessi usando i dati reali.

Usa e getta o “di durata”

E dove sta la sicurezza? Quindi, si può dedurre che, se l’hacker dovesse impossessarsi di questi codici e numeri fittizi, potrebbe comunque effettuare un pagamento a mio carico, visto che anche con questi dati vengono scalati i soldi!

In realtà, la sicurezza è aumentata dal fatto che puoi scegliere tra due tipologie di carta di credito virtuale:

  1. Monouso (usa e getta): una volta generata la carta virtuale, dopo aver concluso il pagamento i codici non sono più validi. Per i successivi pagamenti quindi, dovrai sempre creare nuove carte virtuali.
  2. Di durata: alla generazione della carta, dovrai indicare quanti soldi trasferire in essa e per quanto tempo dovrà rimanere attiva. Alla scadenza, sarà estinta e invalidata.

A mio avviso, la carta che ti offre maggiori sicurezze, è quella “usa e getta”.

Come generarla

Generare una carta di credito virtuale è davvero semplice: non serve andare in banca, perchè puoi fare tutto tramite home banking.

Collegati quindi all’home banking della tua banca e fai il login. Clicca su “Gestione carte” (o dicitura simile) e poi su “Generazione carta virtuale“. Segui la procedura guidata: compariranno prima i codici della tua carta reale, poi potrai scegliere se crearne una virtuale “usa e getta” oppure una “di durata”.

Il sistema infine, genererà i codici “fittizi”, pronti per essere usati!

Hai bisogno di aiuto?