Come gestire un bar

È il sogno di tantissimi barman: partire dalla gavetta, imparare le arti del mestiere e intraprendere un’attività propria. Un cambiamento decisamente importante: da essere lavoratore dipendente a diventare imprenditore di se stesso. Abbiamo deciso di fare il grande passo e di metterci in proprio?

Come gestire un bar al meglio? E se oltre al bar volessimo aggiungere un’attività di pasticceria, ristorante, tavola calda, wine bar oppure una tabaccheria? In Italia esistono migliaia e migliaia di attività di questo tipo, ma gli spazi di mercato per aprire un bar sembrano non mancare. Occorre però un’idea di successo e che sappia diversificarsi da una concorrenza generica.

Ecco un decalogo da seguire per aprire e gestire un bar al meglio:

1- studiare una specializzazione originale per il nostro locale. Al bando locali anonimi e privi di personalità: si a un arredamento moderno e giovane.
2- Calibriamo bene il segmento di clienti a cui vogliamo rivolgerci, nonchè la zona dove aprire il nostro bar.
3- individuiamo, se ne abbiamo bisogno, i finanziamenti, i contributi a fondo perduto e le agevolazioni che ci potrebbero essere concesse, soprattutto se siamo giovani, nel Mezzogiorno o in particolari aree del nostro Paese. Queste agevolazioni spesso sono concesse per l’acquisto di beni strumentali (macchina del caffè, gelatiera e altre attrezzature che serviranno)
4- Informiamoci bene sulle leggi e la normativa bar, rivolgendoci a un buon consulente, che si occuperà della licenza bar, le autorizzazioni e i requisiti richiesti per aprire questa attività.
5- Facciamo un business plan: prevediamo i costi e gli investimenti iniziali, i guadagni.
6- Curiamo l’immagine del locale: sembra scontato dirlo, ma purtroppo non troppo spesso i bar sono puliti e ordinati. Un cliente vede un bar come un breve momento di relax, per cui un’atmosfera sobria, pulita e rilassante é sicuramente l’ideale.
7- Curiamo i rapporti personali: massima gentilezza con il cliente! Sorridiamo e siamo sempre cortesi.
8- Variamo, per quanto possibile, l’offerta degli intrattenimenti.
9- Studiamo la concorrenza e perchè no, se l’idea è buona prendiamone anche spunto! Leggiamo riviste, siti e blog di settore.
10- Ma soprattutto, alla base del successo di questo business c’è qualcosa che non si può comprare nè improvvisare: impegno e dedizione incondizionati e passione per questo lavoro.

Hai bisogno di aiuto?