Come guadagnare con Google Adsense

È possibile vivere di Google Adsense? In realtà non sono molti coloro che hanno fatto del blogging e del web marketing sul proprio sito/blog, la fonte primaria di reddito. Tanti sono invece coloro che grazie ad Adsense riescono a guadagnare una bella sommetta. Non si può quantificare il potenziale guadagno Adsense: tutto dipende da quanto tempo dedicheremo al nostro sito (soprattutto), da quali argomenti intendiamo trattare e dalla qualità dei post pubblicati.

Come guadagnare con Google Adsense? Come fare soldi con il nostro sito/blog? Innanzitutto occorre registrarsi. A questo link possiamo vedere come iscriversi a Google Adsense. Ma prima ancora dobbiamo possedere un sito o blog, su cui siano pubblicati dei post, in maniera più o meno regolare. Una volta fatta richiesta di iscrizione, entro qualche giorno Google ci notificherà l’iscrizione o il rifiuto. Siamo entrati nel giro? Benissimo, ora finalmente avremo accesso al pannello Adsense (le credenziali ci saranno inviate via email) e potremo inserire gli annunci pubblicitari. Ora vediamo come sfruttare al massimo questa opportunità!

Come guadagnare con Google Adsense

I guadagni Adsense derivano dai click che i visitatori del nostro sito/blog fanno sugli annunci Adsense.

1. Aumentiamo il numero di visitatori del nostro sito. È ovvio che se nessuno visita il nostro sito, non ci sarà alcun guadagno. Con 1000 visitatori al giorno, potremo aspettarci anche 2/3/4 euro giornalieri. Maggiore sarà il numero di visitatori, maggiore il guadagno, perchè potenzialmente più persone cliccheranno sugli annunci. Come aumentare le visite al nostro sito? Non c’è una formula speciale: occorre scrivere articoli di qualità. Articoli che siano in un italiano scorrevole, che non siano scopiazzati da altri blog, che rispondano pienamente alla domanda che un visitatore si pone: il lettore dopo aver letto il nostro articolo deve sentirsi soddisfatto.

2. Numero di articoli al giorno o a settimana. Un sito che pubblica più articoli al giorno sarà più apprezzato sui risultati di ricerca, rispetto a uno che pubblica una volta al mese. Decidiamo quanto tempo possiamo dedicare al nostro blog. Se un’ora al giorno, due, molto più o molto meno. Cerchiamo come sempre un buon compromesso tra qualità e quantità: non serve a nulla pubblicare 10 articoli al giorno scadenti, scopiazzati. Meglio decisamente un solo post, originale, che tratti in maniera approfondita l’argomento, che insomma, lasci il visitatore soddisfatto.

3. Motori di ricerca. Per avere ottimi risultati nei motori di ricerca (ovvero affinchè il nostro sito compaia ai primi posti), occorre scrivere articoli di qualità, ma anche ottenere link provenienti da altri siti di qualità. Se abbiamo più di un sito, linkiamoli tra loro e stringiamo partnership con altri siti che trattano lo stesso argomento. In questo modo offriremo anche maggiori risorse ai nostri visitatori.

Hai bisogno di aiuto?