Come incassare un assegno non trasferibile intestato a defunto

Hai ricevuto un assegno intestato a una persona defunta, di cui tu sei l’erede? Non si tratta di un caso così raro: spesso infatti succede che, per esempio dei rimborsi (di una bolletta telefonica, su tasse o altro), vengano restituiti tramite bonifico oppure assegno. In questo caso però, se l’intestatario dell’assegno é deceduto, dell’incasso dovranno occuparsi gli eredi.

Quindi come incassare un assegno non trasferibile intestato a defunto e ricevere comunque la somma, in qualità di erede? La procedura fortunatamente non è complicata: segui con attenzione le linee guida elencate di seguito e potrai incassare l’assegno.

Recati al Comune e chiedi:

1. il certificato di morte;
2. la dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Quest’ultimo documento attesta chi sono gli eredi legali del defunto, quindi tu ed eventuali altri. Se insieme a te ci sono altri eredi (fratelli, sorelle, madre, padre, etc.) per incassare l’assegno sarà necessario che TUTTI gli eredi dichiarati nella dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio firmino l’assegno. Sopra la firma degli eredi, occorrerà scrivere anche “Eredi di Tizio Caio”.
Con questi documenti e con l’assegno, recati poi presso la tua banca: qui potrai incassare l’assegno.
Prima di tutto, contatta la tua banca, poichè la procedura potrebbe variare leggermente in base alle disposizioni interne.

Hai bisogno di aiuto?