Come intestare una casa al figlio

Abbiamo deciso di comprare un immobile e di intestarlo al figlio o ai figli? Non di rado capita che i genitori decidano di comprare al figlio una casa, per assicurargli un futuro più sereno ed evitargli in futuro la grossa incombenza di un mutuo decennale, ventennale o trentennale. Come intestare una casa al figlio? Si può intestare una casa ad un figlio minorenne? A quanto ammontano le tasse e le altre spese burocratiche e notarili?

Innanzitutto, chiariamo subito che, da più di dieci anni ormai, l’imposta sulle donazioni e sulle successioni é stata abolita. Questo permette dei notevoli risparmi in sede di donazione o successione ma, non significa comunque che non si paghi più nulla. Vediamo insieme procedure burocratiche e costi.

Come intestare una casa al figlio

Se stiamo intestando una casa a un parente di linea retta (figli e loro figli, moglie, marito, genitori, nonni, etc.) non pagheremo nessuna percentuale di imposta sul valore della casa. Esistono però altre imposte da pagare, quelle ipotecarie e catastali, che ammontano al 3% del valore dell’immobile e si riducono a 258,23 euro se il figlio si stabilisce nell’immobile come prima casa. Riassumendo, ecco i costi fiscali, quando si intesta una casa al figlio:

1. Se per il figlio l’immobile diventa prima abitazione, si pagano solo 258,23 euro.
2. Se l’immobile non diventa prima abitazione, si paga il 3% del valore dell’immobile.

E le spese burocratiche e del notaio? Quanto costa intestare una casa ai figli?

Spesso i costi burocratici della donazione superano quelli sostenuti per le tasse. La donazione deve infatti avvenire per atto pubblico, quindi in presenza del notaio e di due testimoni. A quanto ammontano le spese?

1. Spese tecniche (bolli, voltura catastale, trascrizione presso i registri immobiliari, etc.) sono pari a circa 300 euro.
2. Onorario del notaio. È solitamente la spesa più importante. È quindi sempre bene farsi fare un preventivo da più professionisti e poi scegliere quello che più ci fa risparmiare. La spesa non é facilmente quantificale: se l’immobile ha già avuto diversi passaggi proprietà o vi gravano ipoteche per esempio, il costo sale. Inoltre il notaio si occuperà, se siamo contribuenti inesperti, del calcolo e del pagamento delle tasse (il costo per questa singola operazione va dai 300 ai 1000 euro).

Vogliamo intestare una casa al figlio minorenne? Le cose sono un po’ più complicate. Il minorenne non ha capacità giuridica e quindi sono i genitori (esercenti la potestà genitrice) a rappresentare la minore in un contratto di acquisto. Occorre però l’autorizzazione del Giudice Tutelare del Tribunale competente di residenza, il quale, solo dopo aver fatto alcune verifiche e accertamenti, potrà autorizzare l’operazione.

Hai bisogno di aiuto?