Come negoziare lo stipendio

Hai la possibilità di intraprendere una discussione di negoziazione del tuo stipendio? Ritieniti fortunato: solitamente, in fase di assunzione, lo stipendio é già prestabilito ed é possibile solo accettare o… rifiutare. Ci sono però, casi in cui lo stipendio viene stabilito in fase di colloquio, poichè relazionato all’esperienza del potenziale candidato. O ancora che sia possibile chiedere un aumento durante la propria vita lavorativa.

Come negoziare lo stipendio? Devi imparare a proporre il tuo valore all’azienda, come si suol dire, saperti “vendere”. Ecco alcune regole che potranno tornarti utile in fase di negoziazione dello stipendio: leggile con attenzione, mettile in pratica e avrai più possibilità di avere uno stipendio più alto.

1. Sicurezza di se. Questa é la prima regola. Presentati al colloquio “sicuro del fatto tuo”. Spiega al tuo interlocutore le tue esperienze lavorative precedenti, come hai saputo dare un valore aggiunto nell’azienda in cui lavoravi precedentemente. Ricorda che hai di fronte a te un esaminatore, ma non sentirti in una posizione inferiore: guardalo dritto negli occhi, accenna un sorriso sicuro di te, sii educato.

2. Serio, ma non troppo, anzi. Sii serio e deciso quando parli di te e delle tue esperienze, ma cerca anche di essere, quando possibile, divertente e simpatico. Gli studi in materia hanno dimostrato che persone con un senso dello humor più alto, hanno maggiori possibilità di ottenere ciò che vogliono. Ma d’altronde, a chi piacerebbe lavorare con un musone serioso?

3. Durante il colloquio ti verrà probabilmente chiesto cosa desideri. È probabile che non tutto ti sarà dato e che la domanda sia giusto per capire se sei un tipo ambizioso e quanto lo sei. Prepara a casa la risposta a questa domanda e chiediti realmente cosa vorresti da quell’azienda, quali opportunità di carriera ti piacerebbe intraprendere.

4. Quando ti viene chiesto quanto ti aspetti di stipendio o di aumento, non sentirti in imbarazzo e proponi il tuo “prezzo”. La controparte ha sicuramente già un’idea di quello che potrebbe essere il tuo stipendio, ma sta a te alzare il tiro. Se sei al tuo “primo lavoro” è sicuramente difficile, ma non impossibile. Se invece vanti una grande esperienza nel campo, questa carta é da giocare assolutamente. Parti alto, ma non troppo. Un recente studio condotto da Thorsteinson (2011) dove sono state fatte diverse simulazioni di negoziazione, hanno dimostrato che chi propone un prezzo alto, alla resa dei conti ottiene uno stipendio in linea con le proprie esigenze, maggiore rispetto a chi é stato troppo “cauto”.

5. Fase di negoziazione. Dopo aver fatto la tua prima proposta, potrebbe partire la vera e propria fase di negoziazione: essa é quasi un gioco fra le parti, dove ognuna di loro “gioca” per ottenere il massimo vantaggio. Non essere “oppositivo” a tutti i costi: fai la tua proposta e valuta con coerenza e razionalità le controproposte. In questa fase mantieni un espressione del viso naturale e costante: quando l’interlocutore ti “spara” delle cifre, non far apparire i tuoi sentimenti, ma esprimili attraverso le parole.

Ecco, ora sei pronto per affrontare il tuo colloquio: nei commenti facci sapere com’è andata!

Hai bisogno di aiuto?