Come rateizzare Equitalia

È possibile chiedere la rateizzazione delle cartelle esattoriali Equitalia? Certo, una cartella Equitalia si può pagare a rate: su richiesta del contribuente, può essere concessa la dilazione del pagamento delle cartelle esattoriale fino a un massimo di 72 rate mensili (quindi per un massimo di 6 anni), ad alcune condizioni.

La rateizzazione della cartella esattoriale se supera un certo importo, può essere concessa solo se il contribuente dimostra di essere in temporanea situazione di obiettiva difficoltà. Se il debito é al di sotto di un certo limite, la rateazione viene concessa senza dover dimostrare nulla. Come rateizzare Equitalia? Come presentare la richiesta di rateazione pagamento?

Innanzitutto occorre menzionare la direttiva di Equitalia del del 01/03/2012, del 07/05/2013 e con il decreto legge 03/03/2012, n. 16, convertito con modificazioni dalla legge 44/2012.

Nello specifico, con la direttiva del 07/05/2013, Equitalia ha innalzato il limite minimo per cui é possibile chiedere la rateizzazione dei debiti senza dover dimostrare di essere in difficoltà economica: da 20 mila, questa soglia passa a 50 mila euro. Cosa significa? Significa che, se il nostro debito con Equitalia non supera i 50 mila euro, possiamo richiedere e ottenere la rateazione automaticamente, senza dover allegare alcuna documentazione che dimostri la situazione di difficoltà economica.

Per i debiti oltre 50 mila euro, la rateazione può essere anche concessa, ma occorre allegare apposita documentazione comprovante la situazione di difficoltà economica. Equitalia quindi analizza l’importo del debito e la documentazione allegata e decide se concedere la rateazione o meno.

Con la direttiva del 1° marzo 2012, invece, sono state introdotto delle modifiche in merito all’indice Alfa, l’indice che prima era considerato in termini di accesso alla rateazione, ora viene considerato esclusivamente quale parametro per determinare il numero massimo di rate concedibili.

Infine, con la legge 44/2012, é stato stabilito che:

– si può chiedere una rateazione anche a rate variabili e crescenti al posto di rate costanti,

– Equitalia non può iscrivere ipoteca nei confronti del contribuente che ha ottenuto la rateazione,

– la rateazione decade solo se non vengono pagate otto rate anche non consecutive (prima bastavano solo due rate consecutive),

– la rateazione può essere richiesta anche se non sono state pagate le rate degli avvisi bonari dell’Agenzia delle entrate. Può essere quindi chiesta direttamente nel momento in cui si riceve la cartella Equitalia.

La domanda di rateazione della multa, della cartella, comprensiva della documentazione necessaria e documento di identità, può essere inviata tramite raccomandata A/R a Equitalia oppure a mano presso uno degli sportelli del territorio o specificati nei documenti inviati da Equitalia.

L’importo minimo di ogni rata è di 100 euro (salvo eccezioni): non può quindi essere richiesta una rata di importo inferiore. A questo link la modulistica per la richiesta di rateazione.

Hai bisogno di aiuto?