Come recuperare l’IVA sulla bolletta della spazzatura

Pagare una tassa sulla tassa? Si può. Almeno in Italia. Purtroppo è così: sebbene nel 2009 la Corte Costituzionale (sentenza n. 238 del 24 luglio 2009) avesse già stabilito che l’Iva non poteva essere applicata su un’altra tassa (in questo caso sulla bolletta della spazzatura), perchè illegittima, nella realtà alcuni cittadini si sono visti recapitare la bolletta comprensiva di IVA.

L’errore è scaturito dal fatto che il fisco abbia “scambiato” la tassa sui rifiuti come un servizio (su cui l’IVA sarebbe applicabile) e non come una tassa vera e propria. In realtà si tratta di una tassa a tutti gli effetti e quindi, dopo la pronuncia della Corte Costituzionale, i cittadini possono chiedere il rimborso dell’IVA al 10% illegittimamente applicata dai comuni interessati. Vediamo come.

Tares

Cosa fare

Prima di tutto cerca tutte le ricevute pagate di TIA o TARSU (i nomi sono cambiati, ma la sostanza è la stessa) e controlla che nelle fatture sia stata effettivamente addebitata l’IVA. Se è stata applicata l’IVA, hai diritto al rimborso.

Attenzione, é rimborsabile solo l’IVA pagata con la TIA o con la TARSU, ma non con la TARES, in quanto su quest’ultima l’IVA viene applicata non in forma diretta, ma a carico del costo del servizio. in molti ritengono illegittima anche l’applicazione dell’IVA sulla TARES ma, in assenza di pronuncia da parte delle autorità, purtroppo ad ora non si può fare altro che pagarla.

Modulo rimborso IVA

Una volta in possesso di tutte le ricevute (ripetiamo: TIA o TARSU, no TARES), fanne una copia di ognuna (dovrai allegarla al modulo di rimborso).

Da questo link puoi scaricare il modulo di rimborso in formato Word, quindi compilabile al pc e stampabile. La lettera, va spedita, a a mezzo raccomandata A/R al proprio comune e alla società di gestione del servizio.

Maggiori informazioni e supporto si possono ottenere grazie all’associazione dei consumatori Altroconsumo, che si è occupata del problema, mettendo anche a disposizione dei consumatori un numero verde 800 18 99 72. Telefonando a questo numero, é anche possibile se il proprio Comune ha applicato l’IVA alla TIA o alla TARSU.

Hai bisogno di aiuto?