Come richiedere anticipo TFR

Oggi giorno le famiglie italiane hanno sempre più difficoltà nell’affrontare le spese importanti. Ecco perché diviene sempre più frequente la richiesta di un anticipo sul TFR presso l’azienda per cui si lavora. Il nostro ordinamento, prevede infatti la possibilità di chiedere un anticipo, ma non sempre è possibile avvalersene. Come richiedere e ottenere un anticipo sul TFR? Per quali motivazioni si può chiedere?

L’art.2120 del codice civile disciplina l’istituto del TFR, conosciuto anche come “liquidazione” o “buonuscita”, e rappresentato dalla somma di denaro che il datore di lavoro consegna al lavoratore, in caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato (pensione, dimissioni, licenziamento, etc.). Si tratta quindi di un diritto del lavoratore.

Il suddetto articolo ne stabilisce quindi il diritto, i criteri per il calcolo, la rivalutazione del TFR, l’anticipazione. La legge 297/82, specifica inoltre i limiti massimi e i casi ammissibili per richiedere in anticipo il TFR. L’anticipo sul TFR può essere richiesto:

– solo una volta;

– nella misura massima del 70% della somma fino a quel momento maturata a titolo di TFR. Tale limite può essere superato in sede di contrattazione collettiva o anche in caso di accordi individuali;

– solo dal lavoratore con almeno otto anni di anzianità lavorativa presso quella azienda (dipendente pubblico o privato).

Inoltre l’anticipo può essere richiesto solo per le seguenti motivazioni:

– Congedi per astensione facoltativa di maternità,
– formazione, anche aziendale,
– Spese mediche straordinarie, per terapie, interventi etc.,
– Acquisto o costruzione o ristrutturazione della prima casa. È possibile chiedere l’anticipo per la prima casa non solo per se, ma anche per i propri figli.

L’anticipo va richiesto per iscritto. Ecco un modulo lettera di richiesta anticipo TFR da inviare con raccomandata A/R o consegnare a mano al proprio datore di lavoro. Alla richiesta occorre allegare a seconda dei casi, un atto notorio o certificazione medica ove risulti la necessità di cure mediche, certificato di residenza in carta semplice, fotocopia del rogito per l’acquisto della prima casa e atto notorio certificante che il richiedente non è proprietario di altri immobili.

Spett.le Datore di lavoro
Indirizzo

Oggetto: Richiesta anticipo TFR.

Il/La sottoscritto/a ____________________________nato/a________________ il________,

residente a _______________________________ via _____________________________,

C.F. _______________________________________________________________________

lavoratore dipendente presso codesta azienda, assunto/a dalla data ____________________

CHIEDE

l’erogazione di un anticipo sul T.F.R. maturato (art. 1 L. 297/82), nella misura massima concessa dalla Legge / o nella misura del ______%, per affrontare gli impegni economici relativi a

_________________________________________________________________________

Ringrazio e e porgo distinti saluti.

Data, Luogo
Firma

Hai bisogno di aiuto?