Come risparmiare su tutto

Stiamo chiedendo un po’ troppo o potremo veramente riuscire a salvare parte del nostro stipendio, senza rinunciare alle cose che amiamo? Non solo é possibile, ma sarà proprio l’individuazione delle “cose che veramente amiamo” a permetterci di risparmiare su quelle che in realtà inseguiamo perché schiavi della moda o di una società consumistica che ci propone il più delle volte prodotti che non ci sono realmente inutili e di cui probabilmente non ne siamo consapevoli. Allora, come risparmiare su tutto?

Il vero stress della vita molte volte, non é il non poter spendere, ma il dover spendere, perché vogliamo essere sempre all’avanguardia, perché non vogliamo essere “diversi” dai nostri amici o comunque dimostrare un certo status symbol. In realtà molte delle cose di cui facciamo un uso quotidiano, potrebbero essere evitate. Vediamo come!

AL SUPERMERCATO: questa é sicuramente la prima immagine che ci viene appena citiamo la parola “risparmio”. Innanzitutto organizziamoci: evitiamo di andare al super/iper mercato più di una volta alla settimana. Facciamo una lista delle cose che ci servono e compriamole tutte insieme: pasta, biscotti, pelati, cibi in scatola e anche frutta e verdura; insomma tutte le cose che possono durare tranquillamente per una settimana. Poi durante i giorni feriali, ci recheremo solo velocemente al panificio, al macellaio o alla pescheria per comprare quel cibo che va mangiato fresco.

Prima di andare a fare la nostra spesa settimanale scriviamo tutto quello che ci serve e proponiamoci di non comprare altro, o al massimo diamoci una somma, ovvero 5, 10, 15 euro che potranno essere spesi per qualcosa extra lista, non di più. Mai andare a fare la spesa senza sapere esattamente cosa si vuole: é il metodo migliore per rimanere in balia delle decine di strategie di marketing messe a punto dai negozi.

Appena entriamo nell’ipermercato evitiamo come la peste quei cestoni pieni di oggetti a un euro che troviamo all’ingresso. Anzi, cerchiamo proprio di entrare a razzo in modo da non avere la tentazione di soffermarci. Costano un euro ma alla fine prendiamo sempre almeno 3 o 4 cose e già la prima banconota é partita.

Inutile concludere dicendo di fare la collezione e confrontare tutti i volantini che ci arrivano a casa, ormai lo sanno anche i muri che bisogna approfittare delle offerte. Ma, coscienziosamente: chiediamoci prima se realmente quella cosa ci serve e se siamo disposti a mangiare carne piuttosto che pesce visto che la prima é in offerta; molte volte la risposta sarà si.

RISPARMIARE SULLA BENZINA. Un’altra voce di costo consistente. Siamo sicuri che l’auto sia veramente necessaria? Assicurazione, bollo, manutenzione, benzina. Non sarebbe meglio prendere i mezzi pubblici? Se arriviamo alla conclusione di non poter fare a meno dell’auto, allora leggiamo questo post su come risparmiare benzina.

BOLLETTE. Sottoscriviamo un abbonamento flat sia per internet che per il telefono se facciamo uso anche delle chiamate. In realtà la vera spesa importante relativamente alle bollette non é tanto quella dell’acqua o del telefono, ma quella dell’energia elettrica. A questo link possiamo scoprire come risparmiare energia elettrica.

NON RINUNCIAMO ALLE COSE CHE AMIAMO. Forse ci sembrerà che risparmiando dovremo rinunciare ad alcune cose che ci piacciono. In realtà il più delle volte queste cose sembrano gratificarci, ma solo nel breve termine. Col tempo potremo scoprire che per quel vestito firmato non avremmo neanche avuto lo spazio nell’armadio o che quell’attrezzo elettrico non avremmo saputo neanche usarlo correttamente. Il risultato? Avremo sicuramente ricavato più tempo da dedicare alle cose che amiamo veramente, che gratificano e che aumentano il nostro benessere. E spesso sono quelle cose a costo zero o ridotto, come una passeggiata all’aria aperta, un caffè con un’amica o una passione che abbiamo tenuto chiusa nel cassetto, per troppo tempo.

Hai bisogno di aiuto?