Come scegliere assicurazione auto

Scegliere la migliore assicurazione assicurativa e la più conveniente, non é così semplice e banale. Le offerte delle compagnie assicurative sono tantissime e le tariffe, ormai da un bel po’ di anni, sono gestiti liberamente dalla singola compagnia. Ecco perchè, prima di stipulare una polizza auto RCA, é sempre bene procedere a confrontare i vari preventivi proposti, per trovare la più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

In questa guida esperta, saranno elencati alcuni consigli e regole utili da tenere ben presente nella scelta della propria assicurazione auto, che si tratti di assicurazione stipulata online, oppure presso le classiche compagnie assicurative.

Marca da bollo

Come scegliere l’assicurazione auto

1. Durante il preventivo, tieni sempre con te il libretto dell’auto e l’attestato di rischio. Sono i dati e i documenti che ti vengono richiesti per la compilazione di un preventivo: dati personali, targa del veicolo e classe universale bonus malus di assegnazione (classe CU).

2. Confronta i premi assicurativi delle varie compagnie. Online ci sono ormai una serie di comparatori di prezzo, facili e semplici da utilizzare, per ottenere un preventivo non impegnativo.

3. Assicurati che l’agenzia, fisica o online, abbia compreso le tue esigenze, inserendo solo le clausole obbligatorie e quelle che ti interessano, senza aggiungerne di ulteriori.

4. Personalizzazione della polizza. Verifica che le opzioni scelte non siano a tuo sfavore in caso di sinistro. Non guardare esclusivamente il prezzo. Considera che un’assicurazione é tale, per cui cerca di assicurarti contro tutte le evenienze. Se per esempio sai che solo tu guidi la tua auto, puoi scegliere una polizza che copra solo i sinistri causati dal proprietario dell’auto. Ma se sai che c’è anche la più piccola e remota possibilità che qualcun altro possa guidarla prima o poi, é meglio scegliere una polizza che copra i danni causati dal guidatore, qualunque esso sia. Inoltre, sono previste delle fasce di età. Se per esempio la tua auto viene guidata anche da giovanissimi (di età inferiore ai 23/25 anni), il costo della polizza aumenterà. Infine, una volta stipulata la polizza, ricorda di rispettarla! Se hai scelto un’assicurazione che copre i danni solo quando il proprietario é alla guida, non far mai guidare qualcun altro al tuo posto!

5. Esamina bene il massimale! Il massimale, ossia il limite massimo di danni economici che può coprire l’assicurazione. Il massimale, per legge, non può essere inferiore a 774.685,35 euro (pari a un miliardo e mezzo delle vecchie lire). Ricorda che in caso di incidenti gravi, questa cifra può risultare non sufficiente e potresti essere costretto a pagare la restante parte di tasca tua. Spesso é preferibile aumentare un poco il costo annuale della polizza, per avere un massimale di copertura fino al doppio di quello previsto per legge, per esempio fino a un milione e mezzo di euro

6. Estensione europea della polizza. Se sai che guiderai anche fuori Italia, occorre prevedere anche una copertura per zone UE o Extra UE.

7. Garanzie accessorie: furto, incendio e Kasko. La polizza RCA è per la Responsabilità Civile Auto, quindi per coprire danni causati dal veicolo ad altri. Puoi anche inserire garanzie garanzie accessorie, per integrare, in base alle tue esigenze, quella prevista dalla legge. Per esempio puoi assicurare la tua auto anche per furto, incendio, assistenza stradale. Molto particolare é l’assicurazione con copertura Kasco, un tipo di polizza che che assicura per qualsiasi danno derivante dalla circolazione, a prescindere dalla colpevolezza dell’assicurato (per esempio: atti vandalici, danni causati da calamità naturali, etc.). Ovviamente, più clausole e garanzie inserisci, maggiore è il costo da pagare. Esistono varie forme di copertura Kasko, oltre a quella a valore intero. Queste sono meno costose e sono:

– a primo rischio assoluto: in cui viene definito un massimale di rimborso, durante la stipula della polizza Kasco, a prescindere dal valore del mezzo assicurato;
– a primo rischio relativo: dove viene indicato un massimale di rimborso da liquidare per determinati eventi;
– a secondo rischio: uguale a quella a “primo rischio relativo”, ma con una franchigia che permette di diminuire il costo annuale della polizza;
– a collisione: detta anche mini-kasco. In questo caso l’assicurazione paga solo per danni derivanti da una collisione e non per altri, come per calamità naturali per esempio.

Le assicurazioni online

Con pochi click, da diversi anni, é possibile scegliere, confrontare e stipulare anche assicurazioni online, che garantiscono: velocità (in pochi minuti si possono confrontare decine di compagnie), comodità e risparmio, poiché grazie al minor numero di sedi fisiche, le compagnie online possono ridurre i premi delle polizze.

Hai bisogno di aiuto?