Come si calcola l’IMU sulla seconda casa affittata

La manovra Monti ha introdotto l’imposta municipale Unica, che per molti versi viene paragonata alla vecchia ICI, precedentemente abolita dal governo Berlusconi per le prime abitazioni. Chi ha più di una casa invece era tenuto a pagare l’ICI anche prima dell’intervento di Monti. Ma come stanno ora le cose? Come si calcola l’IMU sulla seconda casa affittata?

Se siamo titolari di due case, per la prima pagheremo l’IMU sulla prima casa (aliquota pari allo 0,4% e relative addizionali e detrazioni ove previste), mentre per la seconda, ovvero per l’abitazione data in locazione, non c’è aliquota Imu particolare per gli affiti. Per cui saremo tenuti a pagare l’aliquota ordinaria sulla seconda casa pari allo 0,76% (7,6 per mille). Occorre però fare delle precisazioni perchè i comuni possono apportare delle modifiche.

I comuni infatti, con un’apposita delibera comunale (in base all’art. 52 del D.L. 15/12/97, n. 446), possono modificare l’aliquota delle seconde case sino a 0,3 punti percentuali. Attenzione: possono modificarla sia in aumento che in diminuzione, per cui non é sempre detto  che ci sia un’agevolazione, potrebbe anche esserci un aggravio. Inoltre, sempre con una delibera comunale, i singoli comuni possono ridurre l’aliquota fino allo 0,4% nel caso di abitazioni date in affitto (quindi stavolta, solo in diminuzione).

ESEMPIO DI CALCOLO IMU SECONDA CASA AFFITTATA:

Il signor Rossi vive in casa con sua moglie e i suoi due figli. I due coniugi sono comproprietari della casa principale ed hanno anche una seconda casa data in affitto.

CALCOLO IMU PER LA SECONDA CASA DATA IN AFFITTO: La rendita catastale della seconda casa é di 1.000 euro. Per calcolare l’IMU il sig. Rossi dovrà innanzitutto fare una visura catastale per aggiornare la rendita (per semplicità poniamo che l’importo di 1000 euro sia già quello aggiornato). La rendita catastale aggiornata andrà moltiplicata X 160 (il moltiplicatore Imu per le abitazioni). Quindi 1000×160= 160.000, é il valore base su cui applicare l’aliquota.

Ora possiamo calcolare l’IMU sulla seconda casa data in affitto: 160.000/100X0.76 = 1.216 é l’importo IMU dovuto dal sig. Rossi.

Abbiamo calcolalo l’IMU senza tener conto di eventuali rialzi o ribassi deliberati dal comune, che come già detto possono variare da un comune all’altro.

Hai bisogno di aiuto?