Come verificare i propri dati sulle banche dati gestite da CRIF

Vogliamo acquistare un’automobile tramite finanziamento? Le banche solitamente, prima di concedere un prestito, interrogano la banca dati CRIF per verificare se siamo “cattivi pagatori”, se abbiamo debiti in mora, se non abbiamo rimborsato un prestito. Come é facile immaginare, chi é segnalato come “cattivo pagatore”, più difficilmente potrebbe ottenere un prestito. Di contro, una persona che ha sempre pagato i propri debiti con banche e finanziarie, sarà avvantaggiata nel caso in cui decidesse di chiedere un prestito, poichè risulterebbe come “buon pagatore”.

Come verificare i propri dati sulle banche dati gestite da CRIF? Come sapere se si è iscritti al Crif? Conoscere i propri dati, sapere se si é iscritti, é molto semplice: vediamo di seguito la procedura per effettuare correttamente questo tipo di verifica.

Per sapere se diamo iscritti al CRIF, per fare una cosiddetta “visura dei dati creditizi” occorre compilare questo modulo on line, scendiamo in basso nella pagina clicchiamo su “Persona” o su “Azienda”. Seguiamo la procedura guidata e completiamo l’operazione. Potremo così scaricare un modulo pdf da stampare e firmare (per aprire il documento dobbiamo avere installato sul pc Acrobat Reader.). Il modulo va poi inviato, insieme ai documenti richiesti, via e-mail, via fax o per posta (in questo caso meglio una raccomandata A/R). Entro 15 giorni dalla ricezione della domanda, il CRIF ci risponderà secondo le modalità da noi richieste (mail, posta).

15 giorni sono troppi? Possiamo avere le informazioni che desideriamo in 2 giorni massimo, pagando 35 euro, utilizzando il nuovo servizio on line Mettinconto che fornisce online un report sulla nostra situazione creditizia e la consulenza di un tecnico esperto.

Hai bisogno di aiuto?