Costo voltura Enel: fino a 70 euro di spesa

Si parla di voltura del contratto di energia elettrica, quando la fornitura di elettricità è ancora attiva e quindi il gestore (in questo caso ENEL) non la interrompe, ma modifica solamente l’intestatario del contratto. Svariati sono i casi in cui può essere richiesta una voltura: dall’erede in caso di decesso del titolare del contratto per esempio, oppure semplicemente una nuova famiglia che si trasferisce in quella casa.

Ma quali sono i costi della voltura? Innanzitutto, occorre distinguere i vari casi: voltura all’erede, voltura in regime di maggior tutela oppure in libero mercato. Vediamo insieme tutte queste variabili che influenzano il costo.

Enel Energia

Servizio elettrico

Voltura in regime di maggior tutela

Nel mercato di maggior tutela, i costi di voltura sono fissi e decisi dall’Autorità per l’energia elettrica ed il gas e sono pari a:

  • 27,52 euro per le spese amministrative;
  • 23 euro di costo fisso;
  • 14,62 euro per l’imposta di bollo.

Costo totale: 65,14 euro, a cui si aggiungerà l’eventuale deposito cauzionale, che può essere richiesto a discrezione del gestore.

Attenzione: nel caso in cui si chieda un aumento di potenza contrattuale, il costo appena citato aumenterà proporzionalmente alla nuova potenza richiesta.

Infine, occorre precisare che, in caso di decesso del titolare e di voltura richiesta dall’erede convivente, la voltura non prevede costi!

Voltura nel mercato libero

I costi sono gli stessi del regime di maggior tutela ma, per quanto riguarda il costo fisso, esso può essere deciso dal gestore, che lo fissa a sua discrezione. Anche in questo caso, se si richiede un aumento potenza, i costi salgono proporzionalmente.

Come fare

E’ possibile chiedere la voltura:

  •  recandosi al Punto Enel più vicino;
  • telefonando al numero verde 800 900 800 da telefono fisso;
  • telefonando al numero 199 50 50 55 dal cellulare. La chiamata è a pagamento secondo il costo previsto dal proprio gestore.

Hai bisogno di aiuto?