Differenza tra denuncia e querela

Non di rado si crea una certa confusione tra l’una e l’altra. In effetti ci sono delle similitudini ma anche delle differenze sostanziali: qual é la differenza tra denuncia e querela?

La denuncia é un esposto che può essere presentato da un privato oppure da un pubblico ufficiale. È un mezzo attraverso il quale l’autorità viene a conoscenza di un reato. Nella denuncia non é necessario che la persona offesa denunci il reato, nel senso che questo può essere denunciato anche da terzi o da un pubblico ufficiale e si avvia quindi d’ufficio. La denuncia quindi é relativa a delitti più gravi e a tutte le contravvenzioni, per questo é sufficiente che ne venga a conoscenza l’autorità, da parte di qualcuno, chiunque, che non necessariamente deve essere la parte offesa.

Diversamente avviene per la querela: in questo caso occorre la manifestazione di volontà della persona offesa per procedere. Non può quindi essere esposta da terzi.

Un’altra differenza sostanziale é che mentre la querela può essere rimessa/ritirata dal querelante (se il querelato accetta), la denuncia no, non può essere ritirata, proprio perchè si tratta di reati procedibili d’ufficio e lo Stato stesso ha un interesse giuridicamente rilevante a reprimere, indagare e punire quel determinato reato.

La querela deve essere presentata entro tre mesi dalla notizia del fatto costituente reato, quindi non dal momento in cui esso é commesso, anche perchè la persona offesa può rendersene conto anche dopo. I tre mesi decorrono quindi anche in relazione alla sua qualifica di reato e alla individuazione della persona che l’ha commesso. Una persona offesa infatti può scoprire il reato ma possono essere necessari degli accertamenti per l’individuazione dell’autore, nonché per l’individuazione di elementi che lo caratterizzino appunto come reato.

Hai bisogno di aiuto?