Documenti per 730: quali portare

Con la primavera arriva anche il momento di raccogliere e mettere in ordine tutti i documenti necessari da consegnare al proprio consulente per la dichiarazione dei redditi. Al CAF (commercialista, ragioniere o altro consulente abilitato), dovrai infatti portare non solo i tuoi documenti, ma anche una lista di ricevute e altri documenti necessari ai fini della compilazione del 730 (se opti per la presentazione classica e non per il 730 precompilato).

Primi fra tutti, tutti i documenti attestanti le spese da detrarre: se infatti possiedi una casa, hai stipulato un mutuo, hai avuto spese mediche, scolastiche e non solo, hai diritto a una serie di detrazioni che potranno perfino farti ottenere un rimborso IRPEF, se risulti a credito. Di seguito ecco la lista di tutti i documenti necessari da allegare al 730 (e quindi da consegnare al proprio consulente).

Modello 730

Quali servono

Innanzitutto devi portare i tuoi documenti personali:

  • carta di identità (o patente);
  • tuo codice fiscale e dei familiari a carico;
  • verbale della legge 104 se hai figli disabili;
  • modello 730 o Unico dell’anno passato;
  • CUD del datore di lavoro o dell’INPS; se il datore di lavoro è diverso da quello dell’anno scorso, occorre portare anche i dati del nuovo datore di lavoro;
  • ulteriori certificazioni, ad esempio Mini CUD, certificazione per compensi da: lavoro occasionale, certificazioni per diritti d’autore, etc.
  • assegni percepiti dal coniuge;
  • modelli di versamento dell’IMU.

Se possiedi fabbricati o terreni, devi portare anche:

  • per i terreni: visura catastale aggiornata; se li hai ricevuti in eredità lo scorso anno, occorre portare anche la denuncia di successione completa di voltura;
  • per i fabbricati: visura catastale aggiornata; se li hai ricevuti in eredità lo scorso anno, occorre portare anche la denuncia di successione completa di voltura.

Elenco spese detraibili

Per ottenere le detrazioni sulle spese spettanti (e quindi ottenere il rimborso dell’imposta in busta paga), devi portare anche:

  • interessi passivi per mutuo prima casa;
  • spese per manutenzione e ristrutturazione per cui spetta la detrazione 8anche su parti condominiali (occorre consegnare i documenti rilasciati dell’amministratore);
  • spese di affitto;
  • ricevute mediche e scontrini di farmaci;
  • ricevute di spese per mezzi necessari ai disabili; sussidi tecnici, cani per non vedenti, spese per assistenza specifica dei disabili (anche la spesa resa da badanti);
  • spese veterinarie;
  • contributi versati all’INPS per i collaboratori domestici;
  • ricevute tasse di iscrizioni scolastiche;
  • spese per l’adozione di minori;
  • assegni periodici corrisposti al coniuge;
  • ricevute per spese funebri;
  • spese per assicurazioni vita/infortuni;
  • assicurazione RCA;
  • spese per forme pensionistiche complementari:
  • erogazioni e donazioni a ONLUS, società di mutuo soccorso,società sportive e culturali, partiti e movimenti politici, enti religiosi;
  • contributi per i paesi in via di sviluppo (ONG);

Quanto tempo bisogna tenere i documenti del 730

Il contribuente deve conservare questi documenti per 5 anni (quindi per il 730 del 2015, deve conservarli fino al 31 dicembre 2019). L’obbligo di conservazione nasce dal fatto che, in caso di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate, il contribuente avrà subito tutti i documenti da esibire per dimostrare quanto dichiarato con quel 730.

Hai bisogno di aiuto?