Giocare in borsa

Vuoi iniziare a giocare in borsa online da casa ma non sai proprio dove partire? Vuoi investire in azioni senza rischiare troppo? Tutto quello che devi fare è imparare come funziona la borsa, quali sono le principali forme di investimento e come guadagnare in modo sicuro con questa guida completa che ora ti propongo.

Quanti soldi ci vogliono? È molto difficile da capire? Non preoccuparti. Puoi iniziare a giocare in borsa gratis tramite delle simulazioni su internet per principianti per poi passare agli investimenti veri e propri anche con pochi soldi a disposizione. Ecco come devi procedere.

Come funziona

La compravendita è il motore principale della borsa. Ogni giorno, in tutto il mondo, persone fisiche, aziende, istituti bancari e stati negoziano sul valore di acquisto e di vendita di azioni, obbligazioni, valute, materie prime e altri prodotti finanziari.

La negoziazione avviene tenendo conto di molte variabili tra le quali, una delle più importanti è rappresentata dal rapporto tra la domanda e l’offerta: in genere se un titolo ha molti acquirenti vedrà il valore della propria azione salire, se invece un titolo ha molti venditori vedrà il valore scendere.

Questo meccanismo è il diretto responsabile dell’andamento positivo o negativo della borsa. Ad esempio, se oggi la somma dei valori dei titoli italiani è aumentata rispetto alla somma di ieri si dirà che la chiusura della borsa di Milano è stata positiva (citandone la percentuale di crescita). Negativa nel caso contrario.

Come investire in borsa

A questo punto ti starai sicuramente chiedendo: quindi come si fa a guadagnare giocando in borsa? La risposta è: dipende dal tipo di investimento intendi fare e dal livello di rischio che sei disposto a prendere. Più alto sarà il rischio più alti saranno i possibili profitti come anche le possibili perdite.

Obbligazioni

Succede spesso che quando un paese sovrano, una grande azienda o un istituto di credito hanno bisogno di soldi per finanziare le proprie attività emettono delle obbligazioni che puoi acquistare: debiti assunti nei tuoi confronti che ti saranno restituiti dopo un periodo di tempo secondo un tasso d’interesse precedentemente accordato.

Molte persone scelgono questa tipologia per il relativo basso rischio d’investimento: prediligono i paesi storicamente ed economicamente più forti scommettendo sulla loro capacità di mantenersi tali nel tempo. Lo stesso discorso viene fatto nei confronti delle grandi aziende (titoli corporate) e delle banche (titoli bancari).

Quando scegli di investire in obbligazioni è bene considerare i seguenti fattori:

  • Chi è il debitore: il paese che emette titoli di stato ha una situazione economica positiva? Qual è il rating assegnato dalle principali agenzie di valutazione del credito? Di solito paesi con difficoltà economiche sono disposti a pagare tassi d’interesse molto alti ma le garanzie di riottenere i propri soldi sono basse;
  • Durata: dopo quanto tempo riavrai tutti i tuoi soldi? I paesi spesso offrono tassi bassi per brevi periodi (3/6 mesi) e tassi alti per lunghi periodi (5/10/15 anni);
  • Scadenza della cedola: ogni quanti mesi il paese debitore è disposto a corrisponderti parte della somma dell’obbligazione? Alcune tipologie di obbligazioni non prevedono cedole ma un pagamento finale al termine dell’obbligazione;

Ecco un esempio: l’Italia emette titoli di stato di durata quadriennale, con cedola semestrale e un tasso d’interesse pari allo 4,3%. Tali titoli sono disponibili con un investimento minimo di 1.000€. Se investi 1.000€ significa che otterrai in tutto alla fine dei 4 anni 1.043€ ripartiti in 8 cedole da 130,37€ ogni sei mesi.

Giocare in borsa in questo caso significa quindi acquistare le obbligazioni e aspettare la rendita che permettono di ottenere nel tempo. Se non vuoi più detenere un’obbligazione puoi venderla a qualcuno disposto a corrisponderti l’intero importo del debito con un tasso d’interesse leggermente più basso da quello che avresti ottenuto.

Azioni

Un altro metodo grazie al quale un’azienda può finanziare le proprie attività, senza però essere debitrice nei confronti di qualcuno, è quella di emettere azioni societarie in borsa che puoi acquistare e diventare così azionista: ottieni il diritto di partecipare alla gestione societaria e ottenere un dividendo quando la società è in utile.

Che cos’è il dividendo? È la parte di utile che ti spetta ed è calcolata in base alla percentuale di azioni che detieni rispetto agli altri azionisti. Supponi per esempio che il consiglio di amministrazione deciso di erogare 200 milioni di utile e che tu detenga lo 0,001% dei titoli, a conti fatti la parte a te spettante sarà di 200€.

Scegliere i titoli più redditizi in termini di dividendo non è l’unica strategia per giocare in borsa con le azioni. Puoi anche fare leva sull’albitraggio: ovvero comprare azioni oggi per poi venderle in futuro quando il loro prezzo sarà salito di molto e guadagnare quindi sulla differenza.

Anche in questo caso il rischio d’investimento è legato alla salute dell’azienda. Purtroppo non è facile stabilire se è basso o alto perché sono molte le variabili che concorrono nel deciderne il valore. Quello che molti fanno è diversificare il proprio portafoglio proprio per minimizzare le possibili perdite.

Quando scegli di investire nelle azioni di una società è bene considerare i seguenti fattori:

  • Chi è l’azienda: è un marchio molto conosciuto? Esiste da molti anni? Di solito le aziende più solide sono quelle che esistono da molto tempo e che hanno saputo imporre la propria presenza molto fortemente nel mercato in cui operano;
  • Il bilancio: quanti sono i ricavi degli ultimi anni? Qual è la situazione economica? È in utile? È in perdita? È in pareggio? Le aziende in attivo sono sempre quelle più appetibili perché sono quelle in grado di erogare dividendi ai propri azionisti;
  • Il settore: in quale mercato opera? Questo mercato è in crescita oppure è in declino? Molto spesso gli investitori scommettono su nuove tecnologie e nuovi prodotti che possono cambiare le abitudini delle persone come computer, cellulari e ultimamente servizi su internet come social network;
  • Le notizie: sono stati fatti nuovi accordi? Sono stati firmati nuovi contratti con aziende e stati? È stato registrato un nuovo brevetto? Si dovrà pagare una multa per una truffa? Il consiglio d’amministrazione cambierà di nuovo? Le notizie in certi casi sono in grado di affossare un titolo in poco tempo.

Materie prime

Le materie prime sono sicuramente le forme di investimento più antiche del mondo: oro, argento, diamanti e preziosi mantengono spesso il proprio valore anche nelle situazioni economiche più difficili. Oggi giorno è possibile contrattare anche su altre materie prime come il petrolio, materiali tessili e prodotti agricoli tra gli altri.

In questo caso puoi guadagnare grazie alla differenza del prezzo d’acquisto e quello di vendita. Puoi ad esempio acquistare oggi dei lingotti d’oro puro, verificati in banca, secondo il prezzo di vendita al grammo attuale per poi venderlo in futuro quando il prezzo sarà salito di molto.

Se vuoi giocare in borsa con materie prime più grandi dell’oro (che puoi conservare in cassaforte) come ad esempio il petrolio, puoi utilizzare gli Exchange Traded Commodities (ETC) che sono degli strumenti finanziari negoziati come le azioni e il cui valore replica passivamente gli indici in borsa delle materie prime a cui si riferiscono.

A meno di grossi cambiamenti globali sull’utilizzo di una materia prima, questa tipologia di investimento viene classificata come di basso rischio ed è scelta spesso per variare il proprio portafoglio di investimenti.

Forex

Lo scambio di valuta è il meccanismo della borsa più facile da comprendere ma non altrettanto facile da realizzare. Anche qui il metodo di guadagno si basa sull’albitraggio, questa volta adattato sul valore delle monete dei singoli stati. Per ottenere profitto bisogna vendere una valuta ad un tasso di cambio più alto rispetto a quello di acquisto.

Anche in questo caso è possibile acquistare la moneta estera direttamente in banca (è possibile anche richiedere di convertire la valuta del proprio conto corrente) oppure giocare in borsa via internet. Il rischio è relativamente basso se si investono pochi soldi, alto per grandi scommesse sul mercato finanziario.

Ad esempio: oggi acquisti 300$ con 271.9€ e tasso di cambio 0,90€/$. Se nel prossimo mese il dollaro diventa più debole (tasso di 0,85€/$) allora perdi a conti fatti 16,9€. Se il dollaro diventa più forte (tasso di 0,95€/$) allora guadagni a conti fatti 13,1€. La perdita e il profitto di questo caso si moltiplicano per 10 se compri 3000$.

Opzioni binarie

In borsa esistono dei titoli e dei contratti che si chiamano strumenti derivati il cui valore dipende (per l’appunto “deriva”) da un altro strumento finanziario che può essere: un’obbligazione, azione, valuta e materia prima tra gli altri. I principali sono gli futures, gli swap e le opzioni.

Questa tipologia di investimento è tra quelle con il rischio più alto ma anche quella che permette di ottenere dei margini di profitto molto alti nel breve periodo. Solitamente la più utilizzata nelle piattaforme online è la opzione binaria: uno strumento derivato che ti permette di guadagnare grazie a delle previsioni di mercato corrette.

Giocare in borsa in questo caso significa acquistare opzioni binarie tenendo in conto i seguenti fattori:

  • Asset: su quale strumento finanziario si vuole scommettere? Su una valuta? Su una materia primaria? Su una obbligazione? Ogni strumento ha una diversa volatilità come ti ho spiegato precedentemente.
  • Valore dell’investimento: quanto vuoi scommettere sulla riuscita dell’evento?
  • Scadenza: quando deve terminare l’opzione? Ovvero dopo quanto tempo deve essere vera la tua scommessa? Puoi decidere a partire da un minuto fino a giorni, settimane e mesi.
  • Previsione: il valore del titolo deve salire oppure deve scendere? Di quanto deve salire? Di quanto deve scendere?

Se alla scadenza dell’opzione binaria le tue previsioni sono corrette potrai guadagnare anche il 90% dell’investimento iniziale. Ovviamente tieni a mente che anche qui percentuali di profitto alte corrispondo a rischi di perdita alti, prevedere l’andamento del mercato non è per nulla semplice.

Simulazione di gioco

Ora che conosci tutte i modi con cui puoi investire in borsa vuoi subito iniziare a giocare? Aspetta! È meglio prima fare pratica tramite una simulazione gratis nella quale puoi utilizzare soldi finti senza il rischio di perdere quelli veri. Su internet ci sono vari servizi che ti permettono di allenarti, tra cui la Borsa Virtuale sviluppata dalla Borsa Italiana ufficiale.

In alternativa puoi aprire un conto sulle piattaforme di trading e utilizzare la funzione “DEMO” (Dimostrazione) nella quale puoi investire i tuoi soldi finti in tempo reale nei principali titoli di azioni, obbligazioni, materie prime e valute.

Hai bisogno di aiuto?