Impeachment cos’è e come funziona

Il M5S ha chiesto l’impeachment di Napolitano. Sul Blog di beppe Grillo se ne parlava da tempo e se qualcuno pensava che si trattasse di una finzione, si é sbagliato. Il Movimento 5 Stelle ha presentato l’impeachment verso il presidente della Repubblica Giorgio napolitano. Ma cos’è e come funziona?

Il significato della parola “impeachment” é letteralmente, per definizione “imputazione” e può essere tradotto in “stato d’accusa” o “messa in accusa”. Il M5S in pratica ha accusato il capo dello Stato di una serie di illeciti durante l’esercizio delle sue funzioni. Quali sono le motivazioni che hanno spinto il M5S a chiedere l’impeachment? I motivi sono ben sei. Di seguito le motivazioni che hanno spinto il M5S ad avvalersi di questo istituto e il suo iter, il funzionamento della procedura di impeachment.

Ecco le accuse rivolte dal M5s a Giorgio Napolitano:

1. Espropriazione del potere legislativo delle camere parlamentari e abuso del potere di decretazione d’urgenza.

2. Attuazione di un sistema di riforma della Costituzione e del sistema elettorale senza il rispetto dell’art. 138 della Costituzione italiana.

3. Assente esercizio del potere di rinvio presidenziale: il presidente avrebbe omesso il rinvio laddove necessario, per portare avanti norme viziate da incostituzionalità.

4. Secondo mandato del Presidente della Repubblica. Il PdR deve rimanere in carica per 7 anni, come sancito dall’articolo 85 della Costituzione. Non si parla di rinnovo dle mandato, per cui, un PdR non può essere eletto per due volte.

5. Improprio utilizzo del potere di grazia. Sappiamo tutti che il PdR può concedere la grazia e commutare pene, ma, il M5S ricorda che, tale istituito può essere utilizzato solo per mitigare o elidere pene per eccezionali ragioni umanitarie. Il 21 dicembre 2012, Napolitano ha concesso la grazia non seguendo questo principio (vedasi i casi del direttore de “Il Giornale” Sallusti, del colonnello Joseph L. Romano e il più recente caso Berlusconi)-

6. Rapporto con la magistratura: Processo Stato – mafia. Napolitano avrebbe violato l’indipendenza della magistratura, chiedendo chiarimenti sulla configurabilità penale della condotta di alcuni politici coinvolti nell’indagine Stato-mafia e segnalando la possibilità di una visione giuridicamente univoca tra procure varie.

Sul blog di Beppe Grillo, le spiegazioni dettagliate delle motivazioni che hanno indotto il M5S a chiedere l’impeachment a Napolitano.

Ma come funziona l’impeachment? A cosa va incontro il capo dello Stato? Cosa rischia? Come è facile immaginare, non é tutto liscio e semplice: numerosi sono i passaggi previsti in questo particolare caso. L’accusa, in questo caso partita dal M5S, va presentata al presidente della Camera, che a sua volta trasmette il dossier ad uno specifico comitato che presenta una relazione al Parlamento riunito in seduta comune. Il comitato, nella realzione, può decidere di archiviare il caso o di deliberare la votazione in aula della messa in stato d’accusa che, dopo una lunga serie di passaggi, rinvii, votazioni e decisioni, se alla fine dà l’autorizzazione a procedere, la questione passa alla Corte Costituzionale. Quest’ultima deciderà attraverso un vero e proprio processo, la cui sentenza sarà inappellabile.

Hai bisogno di aiuto?