Pagamento in contrassegno

È la prima volta che acquisti online un prodotto e vorresti pagare solamente al ricevimento del prodotto per essere sicuro di non essere vittima di una truffa? Non hai mezzi di pagamento online e vorresti pagare in contanti? In tutte queste situazioni la soluzione è utilizzare il pagamento in contrassegno.

In questa guida completa sul pagamento in contrassegno ti spiego come funziona, come è possibile pagare, cosa cambia per il venditore che spedisce i prodotti, quali sono i principali siti e-commerce in Italia che lo accettano, dunque quali sono le commissioni per le spedizioni verso l’estero.

Cos’è

Il significato di “pagamento in contrassegno” si collega alla spedizione della merce. In pratica è un servizio che ti permette di scegliere il contrassegno, ossia il pagamento solo nel momento in cui la merce arriva al tuo domicilio, quando acquisti qualcosa su uno shopping online. Quando acquisti qualcosa online, dopo aver scelto la spedizione e confermato la transazione, ti viene chiesto di scegliere il tipo di pagamento, tra:

  • Carta di credito;
  • Carta prepagata;
  • Paypal;
  • Bonifico;
  • In contrassegno.

Quando si usa

È un servizio consentito sia sui maggiori siti di e-commerce (eBay, Amazon…), sia sui negozi più piccoli e meno conosciuti. Pagare in contrassegno significa che sei disposto a pagare la merce solo nel momento in cui arriva a casa tua. È il metodo migliore da scegliere se è la prima volta che acquisti online, oppure non ti fidi molto di quell’e-commerce e quindi decidi di pagare solo al momento della ricezione della merce.

Attenzione

Molto spesso per il pagamento in contrassegno occorre pagare una quota aggiuntiva. Per il venditore infatti, questo metodo non solo è un rischio (che tu non paghi), ma è anche un costo. Deve pagare il corriere affinché incassi la somma e poi gliela giri. Il costo di questa operazione quindi, lo paga il venditore, ma lo carica sull’importo finale della vendita, quindi è a tuo carico.

Esempio

Hai speso 50 euro su un e-commerce, comprese le spese di spedizione. Se scegli il pagamento in contrassegno, il totale viene 53 euro e non 50. I 3 euro sono i costi per il pagamento in contrassegno.

Non sempre è dovuto un importo per il pagamento in contrassegno. A volte è un servizio che il venditore decide di offrire gratuitamente. Nella maggior parte dei casi però, inserisce il costo, anche per scoraggiare questo tipo di pagamento, preferendo i metodi più veloci e diretti, come appunto la carta di credito, la carta Postepay o Paypal.

Come pagare

Pagare in contrassegno è davvero molto semplice: fai normalmente l’acquisto sul sito e-commerce prescelto e poi, nella schermata finale scegli come metodi di pagamento il “contrassegno”. Il sito registrerà il tuo ordine, che ti sarà spedito nei termini e alle condizioni concordate. Attendi quindi che la merce arrivi a casa tua (o ad altro indirizzo da te indicato).

Il postino o il corriere quindi, citofoneranno a casa tua e tu oltre a ritirare la merce, dovrai anche pagarla, al prezzo pattuito dal venditore. Di solito è possibile pagare solo in contanti, perchè non sono ancora molti i corrieri dotati di POS bancomat per il domicilio. Ti consiglio quindi di preparare i contanti precisi da corrispondere, perchè il corriere non è tenuto ad avere soldi per il resto.

Come funziona per il venditore

Sei un venditore novello e vuoi sapere come funziona il pagamento in contrassegno, nello specifico come pagare il servizio e le tempistiche, ossia quando ricevi i soldi che il compratore paga al corriere. Quindi, in merito ai costi, devi chiedere informazioni all’azienda postale che hai deciso di usare (TNT, Bartolini, Poste Italiane), perché ogni azienda può applicare una tariffa differente.

Dopodiché è direttamente l’azienda di spedizione che ti accredita il denaro: su conto corrente postale, bancario oppure tramite assegno. Chiaramente questi sono accordi che deciderai con l’azienda di trasporto prima di far partire la spedizione. Di solito, l’importo ti viene accreditato entro al massimo una settimana dal pagamento.

Siti

I siti che permettono di acquistare e pagare in contrassegno sono tanti:

  • eBay. Come sai, eBay non è un sito e-commerce di un’unica azienda, ma è un sito dove ci sono tantissimi negozi online e ogni negozio decide le proprie politiche di vendita, sempre nel rispetto delle regole di eBay. Questo significa che potresti trovare dei venditori che accettano il pagamento in contrassegno e altri che non lo accettano. Venditori che fanno pagare un costo per il contrassegno e altri no.
  • Amazon. Vale lo stesso discorso fatto per eBay.

Questi sono i maggiori siti di shopping online che permettono di pagare in contrassegno. Ci sono poi tantissimi altri siti, alcuni più conosciuti e altri meno che hanno l’opzione per il contrassegno. Si tratta di siti di abbigliamento, di cosmetica, di elettronica, di food, farmacie. Eccone alcuni:

All’estero

Anche all’estero e dall’estero è possibile spedire in contrassegno. Occorre però rivolgersi a corrieri che effettuano tale servizio. Per esempio, Poste italiane offre il pagamento sia per le spedizioni dall’estero verso l’Italia, sia dall’Italia verso l’estero. A seconda dei casi, il pagamento è a carico del mittente o del destinatario:

  • Se la spedizione avviene dall’Italia verso l’estero, il costo del servizio è pari a 2,27 euro a carica del mittente, da pagare al momento della spedizione.
  • Se la spedizione avviene dall’estero verso l’Italia, il costo è a carico del destinatario italiano, varia in base al valore della merce spedita e a seconda che la provenienza sia l’UE oppure un Paese Extra UE.

Ecco la tabella dei costi previsti per le spedizioni dall’estero verso l’Italia:

Commissioni per trasferimenti verso UE
ImportoCommissione
Da 0 a 100€4,5€
Da 100,01€ a 400€10€
Da 400,01€ al massimale consentito15€
Commissioni per trasferimenti verso extra UE
ImportoCommissione
Da 0 a 100€6€
Da 100,01€ a 400€12€
Da 400,01€ al massimale consentito15€