Portabilità mutuo seconda casa come funziona

Abbiamo acquistato una seconda casa, sottoscrivendo un mutuo, ma abbiamo trovato un’altra banca che ci offre lo stesso prestito a condizioni più convenienti? È possibile richiedere la portabilità del mutuo anche per l’acquisto di seconda casa? Certamente, la legge Bersani n° 40 del 2/04/07, ha introdotto la possibilità di richiedere sempre la surroga del mutuo, senza penali e altri costi a debito del mutuante (non sono dovuti neanche i costi per il notaio).

La portabilità consiste fondamentalmente, nello spostamento delle rate mutuo da una banca all’altra, ovviamente a condizioni più vantaggiose (altrimenti non avrebbe ragione di esistere). La portabilità (detta surroga), non fa infatti riferimento alla sola abitazione principale, ma si estende a una più ampia gamma di finanziamenti, tra cui l’acquisto della seconda casa.

Il mutuatario quindi, ha sempre la possibilità di chiedere la portabilità del mutuo presso un nuovo istituto, il quale si occuperà di tutte le pratiche. Non dovremo quindi recarci presso la vecchia banca a fare disdetta, sarà fatto tutto dal nuovo istituto di credito. Il mutuo può essere rinegoziato anche a condizioni differenti rispetto a quello originario: a tasso fisso, variabile, con una durata maggiore o inferiore.

L’unica cosa che non può essere cambiata é il valore del debito, che deve corrispondere al debito residuo. Se desideriamo un importo maggiore, allora potremo stipulare un nuovo contratto di finanziamento, aggiuntivo e complementare al mutuo sostituito.

Ovviamente in caso di seconda casa, non valgono le stesse detrazioni fiscali degli interessi passivi rispetto alla prima casa.

Hai bisogno di aiuto?