Ravvedimento operoso cedolare secca: codici tributo e F24

Il ravvedimento operoso è uno strumento messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, a favore dei contribuenti che decidono di sanare un debito tributario, anche oltre la scadenza. E’ quindi uno strumento utile da usare in caso di dimenticanze, omissioni oppure errori.

E’ utilizzabile per regolarizzare qualsiasi violazione tributaria a cui si applica una sanzione. E’ quindi applicabile anche per la cedolare secca, in caso di pagamenti non effettuati o insufficienti, errori di calcolo o redditi non dichiarati. Ecco di seguito cosa fare e i codici tributo da utilizzare.

Tasse

Compilazione F24: codici tributo sanzione e interessi

Per la somma non pagata, in caso di ravvedimento operoso, vengono applicati:

  • interessi, calcolati a partire dal giorno in cui la somma era dovuta;
  • sanzioni, calcolate secondo un importo ridotto, per aver aderito al ravvedimento operoso (meccanismo premiale).

Chi non ha versato la cedolare secca in tempo, può versarla tramite modello F24, usando i seguenti codici tributo:

  • codice tributo 1842 per la cedolare secca;
  • codice tributo 8913 per la sanzione;
  • codice tributo 1992 per gli interessi.

Oltre al ravvedimento operoso, con la circolare del 04/06/2015, l’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che è possibile anche, per sanare il pagamento della cedolare secca, usare l’eventuale maggiore acconto IRPEF versato con il metodo storico rispetto all’IRPEF che era realmente dovuta. Al posto del ravvedimento operoso quindi, basta recarsi in Agenzia delle Entrate e presentare una istanza in cui si dichiara che, la maggiore IRPEF pagata, viene destinata a compensazione del debito per la cedolare secca.

Per il calcolo delle sanzioni e degli interessi, è possibile rivolgersi a un consulente fiscale, CAF o patronato, oppure usufruire dei calcolatori online.

Ricordiamo infine che è possibile usufruire del ravvedimento operoso solo se l’errore o l’omissione non è stato ancora ravvisato dall’Agenzia delle Entrate, per cui quando ancora la violazione non è stata contestata e notificata al contribuente.

Hai bisogno di aiuto?