Rimborso IVA pagata all’estero: istanza per recuperarla

Per i soggetti UE, dal 2010 vige una specifica normativa per quanto riguarda il rimborso dell’iVA pagata in uno stato estero. L’istanza di rimborso però, non va inviata allo stato a cui si è versata, ma direttamente dall’Agenzia delle Entrate italiana (Dlg n. 18/2010) che si occupa poi di trasmetterla allo Stato estero.

Considerando che l’istanza può essere presentata solo per rimborsi di almeno 50 euro (importo minimo), vediamo insieme come presentare la domanda per recuperare l’imposta pagata a uno Stato membro UE.

Tasse

I contribuenti italiani, per ottenere il rimborso da uno Stato comunitario, devono presentare la domanda all’Agenzia delle Entrate. L’istanza può essere presentata solo online (tramite Entratel o Fisconline, accedendo da questo link Agenzia Entrate rimborsi IVA) entro il 30 settembre dell’anno solare successivo a quello dell’acquisto comunitario. Ovviamente è possibile presentare l’istanza (sempre online), tramite il proprio commercialista.

Se il contribuente si accorge di aver fatto un errore di compilazione, può inviare una seconda istanza, ma sempre entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello dell’acquisto comunitario.

Nella richiesta di rimborso:

La ricevuta dell’istanza, dopo l’invio, può essere scaricata nella sezione “Ricevute”.

La gestione e la lavorazione dell’istanza è assegnata all’Agenzia delle Entrate, precisamente al Centro Operativo di Pescara, all’indirizzo Via Rio Sparto, 21, che si occupa poi di inviare la richiesta di rimborso allo Stato estero. L’ufficio può essere contattato ai numeri 085 5772369, 085 5772204 oppure all’email cop.pescara.ivanonresidenti@agenziaentrate.it. Dopo che il Centro Operativo ha inviato la domanda all’estero, per informazioni sullo stato di lavorazione della stessa, bisognerà rivolgersi all’amministrazione fiscale estera competente, i cui recapiti sono indicati nell’elenco delle amministrazioni fiscali estere.

Se l’istanza viene rifiutata, occorre chiedere spiegazioni principalmente all’amministrazione fiscale estera e poi anche al Centro di Pescara.

Hai bisogno di aiuto?