Rinnovo esenzione ticket sanitario

Quando ci si rivolge alle strutture pubbliche per visite e accertamenti, occorre pagare il ticket. L’importo dipende dalla tipologia della prestazione. La legge italiana tuttavia, in determinati casi, permette di usufruire di un’esenzione totale.

L’esenzione è prevista per redditi bassi, per età (bambini e anziani) e per patologia. La durata dell’esenzione può essere illimitata oppure limitata. In quest’ultimo caso, alla scadenza, occorre procedere con il rinnovo.

Ticket sanitario

Documenti necessari

Per rinnovare l’esenzione ticket devi recarti all’ASL di pertinenza del tuo paese. In base all’esenzione che hai, potrebbero esserti richiesti vari documenti:

  • se chiedi l’esenzione per età, occorrono: codice fiscale, documento di identità. Potrebbe anche esserti richiesta una autocertificazione in cui indichi che il tuo reddito non supera una certa soglia.
  • Se chiedi l’esenzione per reddito, occorrono: codice fiscale, documento di identità e ultima dichiarazione dei redditi, oppure autocertificazione in cui indichi che il tuo reddito non supera una certa soglia.
  • Se richiedi l’esenzione per patologia, occorrono: codice fiscale, documento di identità e dichiarazione di un medico (del tuo medico di famiglia oppure di uno specialista di struttura pubblica), in cui si dichiara che sei ancora affetto da quella patologia.

Prima di recarti all’ASL, ti consiglio sempre di fare una telefonata, per assicurarti della documentazione che occorre. Ricorda che i documenti vanno consegnati in fotocopia, per cui non dimenticartene! Purtroppo alcune volte le ASL le fotocopie non le fanno e quindi perderesti solo tempo!

Inoltre, molte ASL richiedono la compilazione di un apposito modulo per il rinnovo dell’esenzione ticket. A volte questo modulo è presente sul sito internet della stessa ASL, altre volte potrai ritirarlo direttamente presso i loro uffici. Con tutta la documentazione necessaria, potrai quindi recarti presso la tua ASL. Il rinnovo sarà quasi sempre immediato: riceverai subito il nuovo certificato di esenzione, che ricorda, dovrai portare al tuo medico curante, affinchè lo registri nei suoi sistemi informatici.

Hai bisogno di aiuto?