Gli infortuni in casa si compiono soprattutto durante l’esecuzione dei lavori domestici. Una casalinga quindi, è a rischio di incidente mentre cucina, lava, stira, si occupa dei familiari. Proprio per questa ragione l’INAIL ha istituito un’assicurazione per le casalinghe.

In questa guida completa sull’assicurazione casalinghe ti spiego cos’è e come funziona, cosa copre, se è obbligatoria e per chi, qual è il costo, come pagare e con quale bollettino, cosa succede in caso di pagamento in ritardo o mancato pagamento ed infine cosa fare per il rinnovo annuale.

Cos’è e come funziona

Innanzitutto bisogna fare una differenza tra assicurazione INPS e assicurazione INAIL per le casalinghe: la prima è una assicurazione che consiste nel versare i contributi per la pensione di vecchiaia o in caso di inabilità; la seconda invece, ossia l’assicurazione INAIL, copre la casalinga in caso di infortunio durante lo svolgimento dei lavori domestici.

Quindi, sono le stesse assicurazioni che hanno i lavoratori dipendenti: sia quella INPS per i contributi previdenziali per la pensione, sia quella INAIL per coprire il soggetto contro gli incidenti sul lavoro, nel caso della casalinga il posto di lavoro è la casa.

Cosa copre

A cosa serve

L’assicurazione INAIL casalinghe costa 12,91 euro l’anno e copre l’infortunio solo se causa:

  • Un’inabilità definitiva di almeno il 27%;
  • La morte; in tal caso ai superstiti spetta una somma mensile in qualità di rendita.

Sono tutelati dall’assicurazione tutti gli incidenti che avvengono durante lo svolgimento delle mansioni domestiche, sia all’interno della propria casa che nelle parti comuni del condominio (se la casalinga abita in un condominio).

Non sono tutelati gli infortuni:

  • In itinere, quindi che avvengono in auto;
  • Avvenuti in ambiente domestico ma estranei a un rischio domestico.

Caratteristica molto importante di questa assicurazione quindi, è che l’infortunio avvenuto durante le faccende domestiche, abbia generato un’invalidità definitiva di almeno il 27%.

Nota importante

La percentuale di invalidità possono decretarla solo i medici dell’INAIL: a nulla servono i certificati di altri medici (anche pubblici). Se anche un ospedale pubblico certifica un’invalidità di oltre il 27%, ma i medici INAIL rimangono al di sotto di questa percentuale, il certificato che vale è quello INAIL. Ferma restando per l’assicurato la possibilità di fare ricorso contro la decisione dei medici INAIL.

A quanto ammonta: importo

In caso di infortunio, all’assicurato spetta una rendita mensile pari a:

  • 186,18 euro, in caso di invalidità del 27%;
  • 1.292,90 in caso di invalidità del 100%:
  • Da 186,18 fino a 1.292,90 in caso di invalidità compresa tra il 27% e il 100%, quantificata dai medici dell’INAIL.

L’INAIL ti paga la rendita ogni mese, a partire dal primo giorno dopo la guarigione. La rendita non è soggetta a revisione: quindi anche se migliori o peggiori col tempo, la rendita rimane sempre la stessa per tutta la vita.

In caso di morte dell’assicurato, a ognuno dei superstiti l’INAIL versa una rendita di importo fino a 1.292,90 euro. L’INAIL corrisponde inoltre un assegno funerario, di un non precisato importo.

Beneficio Fondo vittime gravi infortuni

In caso di morte inoltre, l’INAIL prevede due tipologie di benefici ai superstiti:

  • Un’acconto della rendita pari a tre mensilità della rendita mensile a cui hai diritto in qualità di superstite. Quindi se per esempio la rendita spettante è di 1.000 euro, avrai anche 3.000 euro;
  • Una somma unica, una tantum, che dipende dal numero dei superstiti. Va da un minimo di 4.000 euro in caso di un solo superstite e fino ad un massimo di 17.800 euro in caso di più di tre superstiti.

Obbligatoria

Devono iscriversi all’INAIL e pagare la relativa assicurazione (pari a 12,90 euro annui), tutte le persone che svolgono in via soltanto lavoro domestico senza alcuno stipendio. Quindi devono pagare l’assicurazione non solo le donne casalinghe, ma anche gli uomini casalinghi (e sono in aumento).

Se non si paga

La legge n.493/1999 sancisce l’obbligatorietà dell’iscrizione all’INAIL per tutte le casalinghe/i che non svolgono altri lavori se non quello di casalinga/i. Pagare i 12,90 euro è quindi obbligatorio! In caso di mancata assicurazione, è prevista una sanzione fino ad un massimo della polizza stessa (quindi fino ad un massimo di 12.90 euro).

Cosa succede se non paghi. Il costo della ricerca degli “evasori” è piuttosto alto, quindi l’INAIL non investe sulla ricerca e il sanzionamento dei non iscritti, piuttosto investe sull’informazione, sul far sapere che iscriversi è obbligatorio.

Costo

Il costo dell’assicurazione INAIL casalinghe (o casalinghi) è di 12,90 euro l’anno, per tutti, indipendentemente dal reddito. Essendo un importo molto basso, non si può pagare a rata, ma va versato in un’unico importo, tramite uno specifico bollettino.

Esonero

Sono obbligate al pagamento dell’assicurazione tutte le casalinghe e i casalinghi, ad eccezione di coloro che hanno entrambi i seguenti requisiti:

  1. Reddito personale annuo non maggiore di 4.648,11 euro;
  2. Reddito annuo del nucleo familiare non maggiore di 9.296,22 euro.

In questi casi è lo stato a versare il premio annuale, ma bisogna comunque iscriversi all’INAIL e far conoscere il proprio reddito, per chiedere l’esenzione e l’addebito allo stato.

Attenzione

Se il tuo reddito dovesse cambiare e superare questi limiti, dovrai iniziare a pagare tu i 12,90 euro annuali.

Come pagare

Per pagare l’assicurazione casalinghe, devi usare il bollettino modello TD451. Puoi ritirare il modulo precompilato presso:

  • La Posta;
  • Le sedi INPS;
  • I tabacchini con accessibilità al servizio PagoPA;
  • Le associazioni che tutelano la categoria.

Puoi effettuare il pagamento anche online tramite:

  • Il sistema PagoPa;
  • Il sito INAIL, tramite SPID oppure tramite semplice registrazione.

La scadenza di pagamento di solito è fissata al 31 gennaio di ogni anno. In caso di pagamento in ritardo, dovrai pagare anche una sanzione commisurata ai giorni di ritardo. La sanzione comunque, non può superare l’importo del premio stesso, ossia 12,90 euro.

Rinnovo

Ad ogni modo, entro la fine dell’anno, di solito l’INAIL spedisce al tuo domicilio una lettera, che contiene il bollettino precompilato con tutti i tuoi dati: in questo modo puoi procedere direttamente con il pagamento senza dover pensare alla compilazione.

In questo modo puoi rinnovare la tua assicurazione anche per l’anno in corso ed essere coperto/a per gli infortuni accaduti per e durante lo svolgimento del tuo lavoro di casalinga/o.