Bilancio delle competenze

Il bilancio delle competenze è un documento molto importante per i docenti neoassunti nella scuola: è un metodo di autovalutazione che porta l’insegnante e comprendere meglio le sue competenze di partenza all’inizio dell’anno e quelle acquisite poi al termine dell’esperienza.

In questa guida completa sul bilancio delle competenze predisposto dal MIUR, ti spiego cos’è quello iniziale e quello finale, come compilarlo, cosa scrivere sul modello INDIRE ed infine ti fornisco un paio di esempi di modello già compilato, sia per quello iniziale che per quello finale, per la scuola dell’infanzia, per la primaria e le medie inferiori e superiori.

Cos’è

Il bilancio delle competenze è un riepilogo delle competenze. Questo bilancio può essere:

  1. Iniziale, per quantificare le competenze con cui si inizia un lavoro e poi, alla fine dello stesso, rilevare le conoscenze acquisite con l’esperienza.
  2. Finale, delle competenze acquisite durante il proprio percorso professionale.

Solitamente viene redatto in forma scritta (per la scuola, è redatto online tramite la piattaforma INDIRE) e diventa parte integrante del proprio curriculum: lo completa, perché va ad analizzare non solo gli studi effettuati, ma anche le mansioni svolte, ma anche la preparazione, le capacità e le idoneità guadagnate durante il percorso.

Il modo migliore per iniziare a cercare un lavoro è proprio quello di fare un bilancio che ricostruisca e analizzi le competenze maturate durante il tuo percorso di studio e lavoro e ti permetta di individuare nuovi percorsi di sviluppo, di progettare o riprogettare il tuo percorso professionale.

Grazie al bilancio delle competenze puoi inoltre avere una visione di insieme più chiara e confrontarla con le opportunità che offre il mercato del lavoro, per trovare quello che fa per te in base alle tue conoscenze e capacità. Competenze che possono cambiare, maturare, evolversi o invecchiare durante il percorso, ecco perché fare un bilancio è molto importante anche per capire se ci sono margini di aggiornamento e miglioramento.

Scuola

Il bilancio delle competenze è uno strumento molto importante durante l’anno di formazione dei docenti neoassunti e dei docenti con passaggio di ruolo. Il dirigente scolastico della scuola in cui insegni quindi, ti farà compilare all’inizio dell’anno di formazione il bilancio iniziale delle competenze e alla fine dell’anno il bilancio finale delle competenze, due documenti imprescindibili per l’evoluzione del tuo percorso da insegnante.

Il bilancio iniziale delle competenze serve a:

  1. Informare il neoassunto sulle competenze indispensabili del docente, così come individuate dal MIUR;
  2. Farlo meditare su queste competenze, quelle che ritiene di possedere, le sue maggiori potenzialità e quelle che invece vorrebbe e dovrebbe sviluppare.

Il bilancio finale invece serve al docente per capire se durante l’anno le proprie capacità si sono evolute, se ne ha acquisito anche altre che non erano espressamente previste nel bilancio iniziale.

Attenzione

Il bilancio delle competenze (sia quello iniziale che quello finale, non è di tipo valutativo, per cui non ci sarà alcun punteggio né questo influirà sulla sua carriera, semplicemente è un modo per accompagnare il neoassunto in un percorso di autovalutazione.

Modello

L’anno scolastico inizia con la nomina del tutor, un docente che ti seguirà e accompagnerà durante la tua formazione e l’apertura della piattaforma online Indire per poter finalmente iniziare la formazione online.

Il primo adempimento da mettere in atto quello della compilazione del bilancio iniziale delle competenze. Compilato il bilancio, stipulerai con il dirigente scolastico il PSP – Patto per lo sviluppo professionale che è un documento che accompagnerà il tuo percorso professionale quest’anno e che indica le competenze acquisite e da acquisire.

Come compilarlo

Il Bilancio iniziale si divide in tre aree, ognuna delle quali suddivisa in ulteriori sotto aree:

  1. Area dedicata alle capacità in materia didattica;
  2. Area dedicata al tuo contributo nella progettazione e gestione della scuola;
  3. Area dedicata alla professionalità.

Per ogni area devi individuare al massimo tre descrittori delle competenze e, con l’aiuto delle domande a fianco, elaborare un testo di un massimo di 2.000 battute (nel conteggio devi includere anche gli spazi).

Già compilato

Innanzitutto compila il bilancio delle competenze con la massima spontaneità e libertà: non è un metodo di valutazione ma solo un modo per portare te all’autocritica e al miglioramento personale e professionale. Il tuo bilancio quindi non riceverà un punteggio.

Ogni insegnante può percepire aspetti differenti a seconda della classe in cui lavora, delle sue competenze e delle predisposizioni, ecco perché il bilancio è un documento del tutto personale e che riflette quello che il docente è e vede.

Fermo restando ciò, può comunque essere utile vedere altri bilanci già compilati, giusto per capire come si sono mossi gli altri insegnanti nella compilazione, nella scelta dei descrittore e nell’elaborazione del testo da 2.000 battute. Ecco quindi alcuni esempi di bilancio iniziale e bilancio finale, già compilati:

  1. Bilancio delle competenze iniziali già compilato;
  2. Bilancio delle competenze finali già compilato.

Ogni anno il sito web INDIRE pubblica tutte le istruzioni per i neoassunti, per la redazione sia del bilancio iniziale che di quello finale.