La legge impone ai lavoratori dimissionari, la convalida delle dimissioni attraverso un’apposita procedura telematica. Senza la convalida, il rapporto di lavoro continua ad esistere, con tutti gli obblighi che ne conseguono. È quindi importante provvedere al più presto a questo adempimento.

In questa guida completa sulle dimissioni telematiche, ti spiego cosa sono e come funzionano, come farle, qual è il termine di preavviso da rispettare, la data di decorrenza, cosa fare in caso di dimissioni durante il periodo di prova o durante un rapporto di lavoro a tempo indeterminato ed infine cosa serve per la revoca, nel caso volessi annullare le dimissioni.

Cosa sono e come funzionano

Il decreto legislativo n. 151 del 14 settembre 2015, obbliga tutti i lavoratori dipendenti a comunicare le dimissioni tramite un procedimento online. Praticamente quindi, se hai deciso di licenziarti, dei procedere così:

  1. Consegnare la lettera di dimissioni al tuo datore di lavoro; la classica lettera in cui comunichi il tuo licenziamento, la data di decorrenza, ecc.;
  2. Convalidare le dimissioni sul sito Cliclavoro, messo a disposizione tramite INPS e il Ministero del Lavoro.

Lo Stato ha introdotto la procedura di convalida telematica per un semplice motivo: alcuni datori di lavoro avevano la pessima abitudine di far firmare, al momento delle dimissioni, un documento di dimissioni in bianco, ossia senza la data.

In questo modo, se il lavoratore “non serviva più”, inserivano la data delle dimissioni e quindi si “liberavano” del dipendente. Un fenomeno triste, oltre che contrario al principio secondo cui è il lavoratore che deve decidere quando e se dimettersi, in caso contrario si procedere con il licenziamento, nei casi previsti.

Come farle

Cosa serve

Puoi convalidare le dimissioni:

  1. Recandoti presso un CAF o patronato;
  2. Online, dal pc di casa tua.

Per convalidare le dimissioni online segui questa procedura:

  1. Vai sul sito INPS e collegati tramite PIN; CNS o SPID;
  2. Entra nella sezione Dimissioni volontarie e quindi inserisci i tuoi dati, quelli dell’azienda, la data di decorrenza e seleziona “Dimissioni volontarie”;
  3. Conferma per convalidare le dimissioni.

Qui trovi la procedura per le dimissioni online, passo per passo e con le figure delle singole pagine web da compilare.

Preavviso

Ogni contratto di lavoro ha i suoi termini di preavviso specifici. Il termine di preavviso dipende da:

  1. CCNL di riferimento;
  2. anzianità di servizio;
  3. Qualifica.

Sei quindi tenuto a rispettare i termini di preavviso previsti per il tuo contratto, in modo da da dare al datore di lavoro il tempo di organizzarsi per la tua futura assenza. Occorre specificare che il termine di preavviso parte non dalla comunicazione scritta all’azienda, ma dal giorno delle dimissioni online.

Suggerimento

Per conoscere i tempi di preavviso previsti, consulta il tuo CCNL o un patronato o un consulente del lavoro.

Decorrenza

Supponiamo che consegni al datore di lavoro la lettera di dimissioni il giorno 20 maggio e che il tuo CCNL preveda un mese di dimissioni. Procedi a compilare le dimissioni online il 30 maggio. I 30 giorni di preavviso partono dal 30 maggio e non dal 20, quindi dal momento in cui compili le dimissioni online e non dal momento della consegna della lettera di dimissioni!

Purtroppo c’è un altro intoppo: se non possiedi il PIN INPS i tempi si allungano, perché appunto devi fare richiesta del PIN, riceverlo a casa per posta e attivarlo. La cosa migliore da fare quindi, è quella di rivolgerti a un patronato, che potrà inviare le dimissioni online con il suo PIN INPS e quindi velocizzare i tempi.

Modifica

Se tu e il tuo datore di lavoro vi accordato per cambiare il periodo di preavviso, hai due possibilità:

  1. Revocare le dimissioni, sempre sul sito Cliclavoro, ma puoi farlo solo se non sono ancora trascorsi 7 giorni dalle dimissioni;
  2. Non fare nulla, se avete deciso di spostare il termine di preavviso più tardi. La Circolare n.12/2016, il procedimento online non incide sulla libertà delle parti.

Malattia

Se ti ammali durante il periodo di preavviso, la malattia non incide sulle dimissioni e sarà l’azienda stessa a indicare la data di cessazione del rapporto, comprovata dal periodo di malattia riconosciuto dall’INPS.

In periodo di prova

Se sei in periodo di prova e comprendi che quel lavoro non fa per te, non sei obbligato a convalidare le dimissioni online. Quello di prova è infatti ancora un periodo di “test”, in cui tu e la nuova azienda cercate di capire se il rapporto può andare avanti.

Durante il periodo di prova quindi, puoi licenziarti senza rispettare alcun termine di preavviso e senza dover convalidare le dimissioni telematiche: basta la lettera di dimissioni da consegnare all’ufficio del personale.

Tempo determinato

La disciplina del contratto a tempo determinato è un po’ particolare: le due parti infatti si impegnano a mantenere il rapporto fino alla scadenza e non è ammesso recedere prima. Quindi, non puoi dimetterti, né il tuo datore di lavoro può licenziarti. Il contratto può cessare solo in due casi:

  1. Giusta causa, se sul posto di lavoro è successo un fatto così grave da non permettere il proseguire del rapporto;
  2. Accordo tra le parti. Se entrambi vi accordate per la risoluzione del rapporto, esso si può concludere.

Se quindi sei un dipendente a tempo determinato, part time o full time, devi comunque convalidare le dimissioni tramite procedura telematica, anche se si tratta di dimissioni per giusta causa.

Revoca

Come fare

Se hai deciso di rimanere in azienda, ma hai già inviato le dimissioni online, hai due possibilità:

  1. Entro 7 giorni: se non sono ancora trascorsi 7 giorni dall’invio della procedura, puoi semplicemente collegarti al sito Cliclavoro, entrare nel pannello e cliccare sulla revoca delle dimissioni. Se avevi chiesto l’aiuto di un patronato, recati presso lo stesso patronato e comunica la tua revoca;
  2. Oltre 7 giorni: non devi fare nulla, se non appunto comunicare la revoca delle tue dimissioni al datore di lavoro. Quando invii le dimissioni telematiche infatti, il sito invia all’azienda il documento di dimissioni online; a questo punto il datore di lavoro procedere a inviare un’altra comunicazione al Distretto del Lavoro in cui indica che il rapporto lavorativo è effettivamente cessato. Se tu revochi le dimissioni e il rapporto continua, semplicemente l’azienda non deve inviare questa comunicazione e il rapporto lavorativo continua a esistere, esattamente come prima.

Newsletter

Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email.

Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell'informativa della privacy