Il Canada è uno degli stati più importanti al mondo e gode di un’economia florida e in costante crescita. Il tenore di vita dei cittadini canadesi è molto rinomato, come anche l’accoglienza di manovalanza estera qualificata. Hai deciso di andare a vivere e lavorare oltreoceano? Sicuramente questo è il paese che fa per te.

In questa guida su come lavorare in Canada ti spiego quali sono i pro e i contro di vivere in questo paese, quali sono le principali lingue parlate, quali sono i permessi di cui hai bisogno per lavorare, quali sono i documenti di cui devi disporre, quali sono le professioni più richieste e, infine, su quali siti internet trovare impiego.

Conviene vivere

Per capire se ti conviene trasferirti e vivere in Canada, devi prima di tutto conoscerne pro e contro. Poi, devi capire cosa vuoi, quali sono i tuoi desideri e aspirazioni.

Vantaggi

  1. Il Canada è uno dei Paesi più vivibili del pianeta (dati Economist);
  2. Il Paese è molto sicuro. la polizia federale è presente e ben preparata. Il tasso di criminalità è molto basso;
  3. Il Canada valuta scrupolosamente l’immigrato, non ammette l’ingresso a persone poco affidabili. La pratica di ingresso non è burocraticamente difficile, ma sono molto selettivi: preferiscono la manodopera locale e accettare stranieri solo laddove c’è carenza di personale;
  4. Le città sono verdi. Dai piccoli paesi fino a Toronto e Vancouver, c’è moltissima attenzione al verde e all’ambiente;
  5. I diritti dei lavoratori sono pienamente riconosciuti e vige il principio di meritocrazia;
  6. Il costo della vita è proporzionale a quanto si guadagna. Gli stipendi sono adeguati e la tassazione non è elevata (dal 15 al 34% per le società e dal 15 al 29% per le persone fisiche);

Svantaggi

  1. L’inverno inizia a ottobre e finisce ad aprile. Ci sono solo due mesi estivi, difficile trovare spiagge e ombrelloni;
  2. Per trovare lavoro devi sapere l’inglese, ma inizia a essere molto richiesto anche il francese;
  3. Il mercato del lavoro è molto flessibile, come quello americano. Significa che possono licenziarti facilmente. Di contro però, trovare lavoro non è difficile, anzi, soprattutto se sei un professionista specializzato;
  4. Le università costano molto (circa 5.000 euro l’anno);
  5. Il sistema sanitario è molto buono, ma ti conviene sottoscrivere anche un’assicurazione privata che ti copra le spese non previste dal servizio nazionale (dentista, ecc.). Circa il 70% dei canadesi ha infatti un’assicurazione privata.

Quali lingue si parlano

In Canada le lingue ufficiali sono inglese e francese. L’inglese è parlato ovunque, mentre il francese è diffuso soprattutto nella zona del Québec e nella parte settentrionale dell’Ontario. A scuola vengono insegnate entrambe le lingue.

Se quindi hai intenzione di trasferirti in Canada, puoi ambientarti benissimo con l’inglese, ma sarebbe opportuno imparare anche il francese, visto che è molto richiesto, anche per lavorare.

Trasferirti in Canada senza parlare la lingua rappresenta un indubbio svantaggio, a meno che tu vada a lavorare in aziende o ristoranti italiani che richiedono solo la nostra lingua (soprattutto nella zona di Little Italy a Toronto, dove vive una folta comunità di italiani). Per ambientarti e socializzare con il popolo canadese, dovrai comunque imparare almeno l’inglese.

Permesso

Se sei un cittadino italiano, non hai bisogno del visto turistico per andare in Canada, ma ti servono soltanto:

  • Il passaporto;
  • L’eTA ossia l’Autorizzazione Elettronica di Viaggio

Richiedere l’eTA è semplicissimo: puoi farlo direttamente online e il sito supporta anche la lingua italiana. Di solito entro pochi minuti il sistema ti invia l’eTA via email. Solo in alcuni casi può esser necessario qualche giorno per espletare la pratica e ricevere l’email con l’autorizzazione. L’eTA dura tre mesi e puoi rinnovarlo per ulteriori tre mesi (oppure puoi lasciare il Canada e poi rientrare chiedendo un nuovo eTA);

Permesso di lavoro

Per studiare o lavorare in Canada, devi richiedere il work permit (permesso di lavoro). Puoi chiederlo:

  • Online;
  • Tramite cartaceo.

Prima di chiedere il permesso però, è altamente consigliabile scoprire se ne hai diritto. In Canada infatti sono molto selettivi e prima di validarti l’ingresso, l’ufficio dell’immigrazione valuta quanto saresti utile per l’economia canadese. Per aiutarti, le autorità hanno creato un sito web dove puoi sapere se:

  1. Necessiti di un work permit o no. In alcuni casi infatti (in base al lavoro che andrai a svolgere), non c’è bisogno del permesso;
  2. Se necessiti del permesso di lavoro (nella maggior parte dei casi), allora il sistema ti chiede di inserire le tue generalità (nazionalità, livello di istruzione, esperienze lavorative, ecc.) e ti dice subito che tipo di permesso puoi ottenere (se un permesso di lavoro, di studio, un visto turistico). Il sistema, oltre a dirti che tipo di permesso puoi richiedere, ti fornisce anche un codice personale (personal reference code, tramite il quale puoi inoltrarne subito la tua richiesta online per il permesso. Devi avere uno scanner o una fotocamera (va bene anche quella del cellulare) e una carta di credito (va bene anche la Postepay) per pagare la tassa prevista (la somma dipende dal tipo di permesso).

Il sito su cui operare è quello del Governo Canadese:

  • Dalla pagina del CIC puoi sapere se hai bisogno del permesso di soggiorno o no. Devi selezionare il lavoro che farai in Canada e poi cliccare su Sudmit. Se il tuo lavoro non è in quella lista, allora sicuramente hai bisogno del permesso di lavoro.
  • Da questa pagina invece puoi sapere quale permesso puoi ottenere. Devi rispondere a una serie di domande. Il questionario dura circa 15 minuti e alla fine ti dice quale tipo di permesso devi richiedere e ti fornisce un codice personale, che puoi usare subito per presentare online la domanda di permesso, che puoi fare da qui.

Suggerimento

Se hai già ricevuto un’offerta di lavoro, l’azienda ti aiuterà nel disbrigo di tutte le pratiche burocratiche.

Documenti

Per ottenere il permesso di lavoro, sono necessari i seguenti documenti:

  • Passaporto italiano con validità residua di almeno sei mesi;
  • Due fototessere;
  • Modulo di richiesta (che puoi ottenere solo dopo aver compilato l’apposito questionario per sapere quale permesso puoi chiedere, puoi compilare la domanda sul sito CIC del Governo Canadese);
  • Lettera di offerta di lavoro da parte di un’azienda canadese, indicante la tua qualifica professionale e lo stipendio che riceverai;
  • Curriculum vitae;
  • Certificato penale di tutte le nazioni dove hai soggiornato dalla maggiore età in poi. Se sei stato sempre in Italia, allora basta solo quello italiano (non contano i viaggi turistici).

Mestieri

Il Governo Canadese attua una politica mirante a dare lavoro prima agli stessi canadesi e a coloro che già vivono regolarmente in Canada. In passato le politiche migratorie sono state molto restrittive. Con il tempo, la carenza di personale in alcune professioni, ma spinto il Paese a una maggiore apertura verso il flusso id lavoratori stranieri.

Per capire quali sono i lavori più richiesti, basta fare un giro nei siti di annunci di lavoro canadesi. Spesso gli annunci indicano la paga oraria:

Professioni più richieste in Canada
Professione$ all’ora (min)$ all’ora (max)
Autista1530
Infermiere2040
Operaio specializzato1020
Addetto vendite1220
Commerciale1535
Barista812
Barista1015
Cuoco1218
Sviluppatore web3040
Parrucchiere1015

Offerte di lavoro

I siti dove puoi trovare offerte di lavoro (anche con vitto e alloggio in alcuni casi), sono: innanzitutto la Jobbank tenuta dal Governo canadese, che racchiude tutte le maggiori offerte di lavoro. Ti basta inserire il lavoro che cerchi (in inglese), cliccare su Search e consultare tutte le offerte disponibili (molte indicano anche lo stipendio offerto).

Tra gli altri siti di annunci di lavoro, da segnalare:

Newsletter

Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email.

Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell'informativa della privacy