A causa dell’emergenza COVID 19, stato e regioni hanno dovuto affrontare delle spese che mai avrebbero immaginato. Gli enti si sono quindi trovati ad aver bisogno di una dose importante di denaro, purtroppo non sempre disponibile nelle proprie casse. Per questo nascono i Lombard bond.

In questa guida completa sui Lombard bond ti spiego cosa sono, cosa prevedono, come funzionano, qual è il tasso di interesse atteso, qual è la convenienza a investire in questa tipologia di obbligazioni e infine, forse non lo sai, ti racconto come andrò nel 2001 quando la Lombardia emise già i suoi primi bond.

Cosa sono

Il governatore leghista della Lombardia, Attilio Fontana, decide di prendere in mano la situazione e con sicurezza annuncia il suo piano per il rilanciamento economico di una delle regioni più colpite dall’emergenza coronavirus.

Il primo focolaio del COVID 19, è stato registrato in Lombardia e i contagi si sono evoluti molto velocemente. Il governo ha preso delle misure drastiche per cercare di contenere i casi: chiusura delle scuole e delle attività produttive entro poche settimane.

La chiusura di aziende, negozi, botteghe, fulcro dell’economia lombarda, ha trascinato con sé una crisi economica importante, il fatturato delle aziende si è affievolito come non mai, fino ad azzerarsi.

Cosa prevedono

I Lombard bond sono delle obbligazioni emesse sul mercato in base alle necessità di cassa della regione Lombardia. Bond quindi significa obbligazioni, esprimono lo stesso concetto, infatti in inglese bond significa proprio obbligazione.

Cosa sono le obbligazioni

Le obbligazioni non sono altro che dei prestiti. Ti faccio subito un esempio semplice. Lo stato ha delle entrate e delle uscite:

  • Le entrate sono rappresentate dalle tasse, giochi del lotto, ecc.
  • Le uscite invece sono rappresentate da spesa pubblica per la sanità per la scuola, stipendi dei dipendenti pubblici, ecc.

Purtroppo lo stato non sempre riesce a pagare le uscite con le entrate. Capita spesso che debba spendere più di quanto entra in cassa. Allora per reperire denaro cosa fa? Emette obbligazioni di stato, ossia prestiti veri e propri.

Per esempio: lo stato emette un’obbligazione da 1 milione di euro, diviso in quote da 500 euro. Significa che se vuoi, tu puoi comprare un’obbligazione da 500 euro, oppure comprarne due per 1.000 euro, tre per 1.500 euro e così via.

Quindi tu dai soldi allo stato, e lo stato da parte sua ti paga un interesse. Per esempio: obbligazione con valore unitario da 500 euro, tasso di interesse del 2% pagato ogni sei mesi. Significa che tu dai i tuoi soldi allo stato, il quale ogni sei mesi ti paga il 2% di questo prestito e poi alla scadenza del prestito ti restituisce il capitale (500, 1.000, 1.500 euro, insomma quanto hai investito tu).

Ricapitolando, ecco come sono composte in generale le obbligazioni statali:

  • Valore unitario dell’obbligazione: può essere di 100 euro, 200, 500. Significa che una obbligazione vale 100, 200, 500 e puoi comprarne a multipli;
  • Tasso di interesse: per esempio 2% con pagamento mensile, semestrale o annuale;
  • Rimborso del capitale investito alla scadenza. La scadenza può essere tra due anni, tre, 10 anni.

Quindi tu che hai comprato l’obbligazione hai prestato soldi allo stato. Da parte sua lo stato ti ha pagato degli interessi e poi alla scadenza ti ha anche restituito il capitale. Gli interessi sono il tuo guadagno.

Bene, ora che sai cosa sono le obbligazioni statali, vediamo cosa sono i Lombard Bond e come funzionano.

Come funzionano

I Lombard bond sono delle obbligazioni come ti ho spiegato sopra, solo che al posto di emetterle lo stato le emette la Regione Lombardia. Si tratta quindi di obbligazioni regionali. Il funzionamento è lo stesso di quelle statali: valore unitario, tasso di interesse, scadenza (annuale, biennale, decennale, ecc.).

Quanto ci puoi guadagnare

I tassi di interesse delle obbligazioni statali sono molto bassi. Questo perché, essendo lo stato un debitore con una buona credibilità, allora non ha bisogno di aumentare il tasso di interesse per vendere le sue obbligazioni.

Se invece uno stato è poco credibile, allora i tassi aumentano, perché poche persone si fidano a comprare i bond e quindi per cercare di piazzarne qualcuno lo stato alza i tassi di rendimento, nella speranza che qualche temerario accetti il rischio in virtù di un guadagno più elevato.

Non è mai successo che lo stato italiano non rimborsasse i suoi titoli di stato: ecco perché i titoli di stato italiano sono molto sicuri e quindi hanno un tasso di interesse basso. Rappresentano una forma di investimento per chi vuole stare tranquillo, non vuole rischiare il suo capitale e si accontenta di un piccolo rendimento, che è comunque qualcosa.

I Lombard bond

Lo stesso vale per i Lombard bond, i tassi di interesse sono bassi, perché il rischio che la regione non restituisca i soldi è praticamente pari a zero.

Quando è un ente statale o locale a emettere obbligazioni, esse rappresentano un mezzo di investimento abbastanza sicuro per i risparmiatori, quindi le comprano anche se i tassi di interesse non sono altri.

Si può dire quindi che i Lombard bond somigliano ai classici titoli di stato (BOT, BTP, ecc.). Lo stato infatti, quando ha bisogno di denaro perché le sue uscite sono maggiori delle entrate, per reperire soldi emette obbligazioni. Ossia chiede dei prestiti ai risparmiatori. Questi prestiti (obbligazioni) può comprarli chiunque: semplici risparmiatori, banche, fondi comuni di investimento.

In questo modo lo stato ottiene dei soldi liquidi subito, al costo di un tasso di interesse da pagare. Tasso comunque molto basso.

Il governatore della Lombarda ha spiegato che si tratta di un piano di investimenti da oltre 3 miliardi di euro, con cui la regione finanzierà opere pubbliche e sanità nell’arco di tempo tra il 2020 e il 2022.

Precedente del 2001

La Lombardia emise delle obbligazioni regionali già nel 2001, quando finanziò le infrastrutture per i Mondiali di sci e l’esperimento fu riuscitissimo, come sottolinea Fontana, grazie a un’efficiente gestione dei flussi di cassa. Al punto che le agenzie di rating (Standard and Poor’s, Moody’s, ecc.) diedero a queste obbligazioni regionali un punteggio di credibilità maggiore rispetto alle obbligazioni statali!

Le agenzie di rating sono delle agenzie specializzate, che esprimono un giudizio sulla solidità e credibilità di un soggetto che emette obbligazioni, attribuendo una sorta di punteggio.. In quel caso il punteggio dei bond lombardi fu più alto di quello dei bond statali.

Newsletter

Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email.

Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell'informativa della privacy