Il Decreto Rilancio del mese di maggio 2020, prevede una misura economica volta ad aiutare le famiglie che si trovano in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus. Purtroppo la crisi, da sanitaria si è trasformata in economica, con impatti negativi sui bilanci familiari.

In questa guida completa sul reddito di emergenza ti spiego cos’è e come funziona, a chi spetta, quali sono i requisiti per averne diritto, come calcolare l’importo che ti spetta in base alle scale di equivalenza ISEE, quanto dura l’aiuto, come fare domanda tramite l’INPS.

Cos’è e come funziona

Il decreto Rilancio ha dato vita al reddito di emergenza (REM), una misura che economica di aiuto che molti stavano aspettando. Si tratta di un’indennità economica che ti spetta se non hai diritto a nessun altro aiuto. Se non rientri nei parametri per avere diritto al reddito di cittadinanza, allora puoi optare per il reddito di emergenza.

L’emergenza coronavirus ha messo in difficoltà molte famiglie, che purtroppo non posseggono neanche i requisiti per accedere ad altri aiuti economici. In questa guida puoi sapere se hai diritto al reddito di emergenza, come funziona e come richiederlo.

A chi spetta

Come detto nei passi precedenti, il reddito di emergenza è una misura che spetta alle famiglie che hanno maggiori criticità a causa della crisi scatenata dal coronavirus.

Per avere diritto al bonus, devi possedere specifici requisiti, tra cui la residenza in Italia, non superare un certo reddito familiare, un determinato ISEE, nonché patrimonio mobiliare. Ecco di seguito tutti i requisiti.

Requisiti

Per avere diritto al reddito di emergenza devi possedere tutti i seguenti requisiti:

  1. Residenza in Italia;
  2. Reddito familiare minore dell’importo di REM a cui hai diritto e che varia in funzione del numero dei membri della famiglia (cosiddetta scala di equivalenza). Come vedrai più avanti infatti, se per esempio in famiglia siete in due vi spetta un REM di 628 euro. In tal caso il REM vi spetta solo se il vostro reddito familiare è inferiore a 628 euro. Altro esempio: in famiglia siete in tre e quindi in base alle scale di equivalenza vi spetta un REM di 800 euro. In tal caso il REM vi spetta solo se il vostro reddito familiare è inferiore a 800 euro.
  3. ISEE familiare minore di 15.000 euro;
  4. Patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro, che aumenta di altri 5.000 euro ogni membro della famiglia oltre il primo e fino a un massimo di 20.000 euro. In presenza di disabile in condizioni gravi o comunque non autosufficiente, il limite sale a 25.000 euro.

Esempio

Supponiamo che in famiglia siate due persone. Per avere diritto al REM, il patrimonio mobiliare non può superare i 15.000 euro, ossia 10.000 + 1 persona (5.000 euro aggiuntivi). Se in famiglia siete in tre, allora non deve superare i 20.000 euro. Se siete quattro o più il limite rimane sempre 20.000 euro, a meno che ci sia un disabile grave, in tal caso arriva a un massimo di 25.000 euro.

Incompatibilità

Non hai diritto al reddito di emergenza se nella tua famiglia ci sono persone che percepiscono uno dei seguenti redditi:

  • Pensione diretta o indiretta (ad esclusione della pensione di invalidità);
  • Reddito da lavoro dipendente con retribuzione lorda maggiore del REM;
  • Reddito di cittadinanza.

Non hanno diritto al REM i seguenti soggetti:

  • Detenuti;
  • Soggetti ricoverati presso case di cura a totale copertura statale. Tali soggetti infatti non rientrano nel nucleo familiare per il calcolo della scala di equivalenza, in quanto a completo carico dello stato.

Domanda INPS

Puoi presentare domanda di reddito di cittadinanza attraverso una di queste modalità:

  1. Sito Inps attraverso questa pagina;. Occorre quindi avere le credenziali di accesso, per esempio il PIN INPS, la CNS, ecc.
  2. Call center INPS;
  3. Patronato della tua zona.

Importo

Il valore di partenza del reddito di emergenza è pari a 400 euro a nucleo familiare. Tale importo però, bisogna moltiplicarlo per il parametro scala di equivalenza ISEE che dipende dal numero dei membri familiari.

Questo significa che più persone siete in famiglia, maggiore è il reddito di emergenza a cui hai diritto. L’importo massimo del REM non può comunque superare gli 800 euro. Dunque, il REM oscilla tra un minimo di 400 euro e un massimo di 800 euro per le famiglie maggiormente numerose.

Se in famiglia c’è una persona con disabilità importante o non in grado di svolgere le attività quotidiane, il parametro più altro della scala di equivalenza è 2,1, quindi il reddito di emergenza raggiunge 840 euro.

Scale di equivalenza

Ecco quali sono le scale di equivalenza, per calcolare a quanto reddito di emergenza hai effettivamente diritto:

N. componenti famigliaParametro
11
21,57
3 e più2,04
Presenza di un disabile grave2,1

Calcolo

In base alle scale di equivalenza sopra riportate, ecco come calcolare il reddito di emergenza che ti spetta:

  • Famiglia con un 1 persona = 400 x 1 = hai diritto a 400 euro di reddito di emergenza;
  • Famiglia con un 2 persone = 400 x 1,57 = hai diritto a 628 euro di reddito di emergenza;
  • Famiglia con un 3 persone e più = 400 x 2,04 = il risultato è 816 euro, ma il reddito di emergenza massimo è di 800 euro, quindi hai diritto a 800 euro di reddito di emergenza;
  • Famiglia con un 1 persona disabile grave = 400 x 2,1 = hai diritto a 840 euro di reddito di emergenza.

Quanto dura

Il reddito di emergenza non è come il reddito di cittadinanza, quindi ha una durata molto più limitata. Nello specifico serve ad aiutare le famiglie che si trovano in difficoltà a causa della crisi causata dal coronavirus.

In ragione di ciò, hai diritto al reddito di emergenza per due mesi. Riceverai quindi dall’INPS due quote di uguale importo.

Reddito di cittadinanza

Il reddito di emergenza non è una misura che ha una lunga durata. Come il nome stesso fa comprendere, si tratta di un aiuto economico erogato dall’INPS solo per far fronte a una situazione di emergenza. Il COVID 19 infatti, da emergenza sanitaria si è trasformato in crisi economica e le famiglie in difficoltà sono aumentate.

Nello specifico, il reddito di emergenza è dedicato alle famiglie che non hanno altri aiuti. Quindi se per esempio percepisci già una pensione, o in famiglia c’è una persona che percepisce la pensione, allora non avete diritto al REM. Se si tratta di pensione di invalidità, allora ne avete diritto, purché sussistano tutti gli altri requisiti (ISEE, patrimonio mobiliare, reddito, ecc.) che ti ho mostrato sopra.

Lo stesso vale per il reddito di cittadinanza. Se in famiglia qualcuno percepisce già il reddito di cittadinanza, allora non avete diritto a questo ulteriore aiuto. Il REM è dedicato alle famiglie che non possiedono i requisiti per ottenere altre tipologie di aiuto.

Newsletter

Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email.

Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell'informativa della privacy