I titolari di partita IVA (ditte individuali, società, cooperative e liberi professionisti) possono usufruire di un importante vantaggio sull’acquisto dei beni strumentali all’attività: una maggiorazione della quota di ammortamento che va a dedurre l’imponibile fiscale e, di conseguenza, le tasse da pagare.

In questa guida completa sul super ammortamento, ti spiego cos’è e come funziona sul costo di acquisto di beni strumentali, sui canoni di leasing, sul costo di acquisto delle auto, di un impianto fotovoltaico, come calcolare la quota di ammortamento e come funziona per i liberi professionisti.

Cos’è e come funziona

L’art. 1, dal comma 91 al 97 della Legge 208/2015, prevede il super ammortamento, ossia la possibilità di aumentare del 40% (a partire dal 2018 ridotto al 30%) il costo di acquisto dei beni strumentali, ai fini del calcolo della quota di ammortamento. Aumentando la quota di ammortamento dedotta quindi, si ha un risparmio fiscale, ai fini IRPEF e IRES (il super ammortamento non vale ai fini IRAP).

Esempio

Supponiamo che compri un bene strumentale del valore di 1.000 euro e la cui aliquota di ammortamento è pari al 20%, quindi 200 euro annui (il 20% di 1.000). Grazie al super ammortamento puoi aumentare il costo del 30% e su esso calcolare l’ammortamento.

 

Quindi il costo su cui calcolare l’ammortamento diventa di 1.300 (1.000 + 0% di 1.000)

 

La quota annuale da ammortizzare non è più 200 euro, ma 260 euro (20% di 1.300).

Bisogna sottolineare che questo calcolo non deve incidere assolutamente ai fini contabili e quindi non va indicato nel conto economico, ma incide solo ai fini del calcolo delle imposte (IRPEF e IRES): in contabilità devi registrare la quota di ammortamento classica. Puoi quindi calcolarlo in maniera extra contabile solo ai fini del calcolo delle imposte.

Beni strumentali

Un aumento del 30% sul prezzo di acquisto, ai fini del calcolo della quota di ammortamento, vale per i beni strumentali acquisiti con:

  • Contratto di acquisto;
  • Contratto di leasing con opzione di acquisto finale;
  • Contratto di appalto;
  • Realizzazione in proprio.

Inoltre il bene deve essere possedere, contemporaneamente, questi requisiti:

  • Materiale, non è quindi possibile maggiorare il costo di acquisto di beni immateriali, come per esempio marchi o brevetti. Gli unici beni immateriali che usufruiscono del super ammortamento sono i costi sostenuti per software e sistemi IT -> beneficiano di una maggiorazione del 40%;
  • Strumentale, quindi inerente all’attività; sono escluse le materie prime e i beni merce (ossia quelli comprati per essere rivenduti);
  • Nuovo, non è possibile applicare il super ammortamento a beni usati da chiunque altro;
  • Entrata in funzione; il bene, oltre ad essere acquistato deve anche entrare in funzione. Questa condizione non è necessaria invece per l’ammortamento dei canoni di leasing. Se quindi compri un bene nel 2018, ma inizi a usarlo nel 2019, puoi far partire il super ammortamento solo dal 2019.

Hanno diritto a usufruire dell’agevolazione:

  • Liberi professionisti;
  • Ditte individuali;
  • Società (di persone, di capitali o cooperativa);
  • Enti commerciali o non commerciali.

Sono esclusi dal super ammortamento i beni con aliquota di ammortamento minore del 6,5% elencati nel D.M. 31/12/1988. Se il bene che hai comprato ha un’aliquota superiore, puoi applicare il super ammortamento. Puoi applicarlo anche se applichi un’aliquota inferiore al 6,5% per tua scelta. Non puoi applicarlo solo sui beni dove l’aliquota del 6,5% è fissata dal D.M.

Spese incrementative beni propri

Il super ammortamento si calcola anche sulle spese incrementative sostenute sul bene stesso, se le migliorie non sono autonome e separabili dal bene stesso.

Proroga

La legge di Bilancio 2018 ha prorogato il super ammortamento anche per i beni strumentali acquistati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018, ma la percentuale passa dal 40% al 30%. Hai diritto all’agevolazione anche se fai l’acquisto entro il 31 dicembre 2018 ed entro questa data paghi un acconto del 20% e il resto entro il 30 aprile 2019.

Sono esclusi dal super ammortamento:

  • I beni strumentali acquistati negli anni precedenti, che quindi continuano a beneficiare dell’aliquota al 40%;
  • Veicoli indicato nell’art. 164, co. 1 del TUIR (quindi i veicoli a deducibilità limitata, aerei da turismo, navi, imbarcazioni, autocaravan, ciclomotori, veicoli adibiti ad uso pubblico).

Auto

Non è stato prorogato il super ammortamento per le auto. Quindi nel 2018 puoi usufruire dell’agevolazione solo per le auto acquistate entro settembre 2018, come prevedeva la Legge di Bilancio 2017 e se entro tale data hai almeno pagato il 20% di acconto. Per gli acquisti oltre tale data non è stato prorogato il super ammortamento auto.

Puoi applicare il super ammortamento alle auto il cui costo non supera:

  • 21.691,188 euro se si tratta di auto e autocaravan;
  • 30.987,408 euro se si tratta di auto usate da agenti di commercio;
  • 4.957,99 euro se si tratta di motocicli;
  • 2.479,99 euro se si tratta di ciclomotori.

Usufruiscono del super ammortamento anche le auto a km 0 e le auto in esposizione.

Fotovoltaico

Se sei un’impresa o un libero professionista e nel 2018 decidi di acquistare e installare un impianto fotovoltaico, puoi usufruire del super ammortamento al 30%. In pratica ai fini fiscali (IRPEF o IRES) il tuo reddito imponibile si riduce della quota di ammortamento dell’impianto fotovoltaico. Vediamo un esempio concreto di calcolo per comprendere i vantaggi.

Ammortamento impianto fotovoltaico
Costo dell’impianto20.000 euro
Il coefficiente di ammortamento per
gli impianti fot. di solito è del 9%
(quindi per un periodo di circa 11 anni)
9% di 20.000 = 1.800 euro
Grazie al super ammortamento, il costo
dell’impianto fotov. aumenta del 30%
20.000 + 30% di 20.000 = 26.000
Ora calcola la quota di amm.to su 26.0009% di 26.000= 2.340 euro
Supponiamo che la tua azienda abbia
un reddito di 100.000 euro annui
100.000
Se avessi applicato l’amm.to normale
avresti dedotto solo 1.800 euro
100.000 – 1.800 = 98.200 euro
(reddito imponibile)
Grazie al super amm.to puoi dedurre
ben 2.340 euro
100.000 – 2.340 = 97.660 euro
(reddito imponibile)
Il reddito imponibile risulta inferiore e quindi
anche le imposte calcolate su di esso lo saranno
Meno IRPEF
Meno IRES

Calcolo

Modalità di fruizione dell’agevolazione

In pratica l’agevolazione consiste nella possibilità di aumentare del 30% la quota di ammortamento, oppure del canone di leasing finanziario. Tale quota poi va dedotta ai fini IRPEF o IRES e quindi, abbattendo il reddito imponibile (visto che al reddito lordo va sottratta la quota di ammortamento e poi vengono calcolate le tasse), genera una minore imposta da pagare.

Attenzione

L’agevolazione si applica solo ai fini IRPEF e IRES, non ai fini IRAP.

Hai diritto ad applicare la maggiorazione per tutta la durata dell’ammortamento (o del leasing) e non solo per l’anno di acquisto.

Considera inoltre ai fini del calcolo, che nel primo anno, l’ammortamento si riduce del 50%.

Esempio di calcolo

Acquisto nel 2018 bene strumentale costo 5.000 euro, coefficiente di ammortamento pari al 10%, quindi ammortizzabile in 10 anni.

Prima di tutto aumenta il costo di acquisto del 30%, per usufruire del super ammortamento – > 5000 + 30% di 5.000 = 6.500 euro

Questo costo viene diviso per 10 annualità, quindi 650 euro annui è l’ammortamento annuo. Per il 2018 puoi ammortizzare solo il 50% ossia 325 euro.

 

Ammortamento
AnniQuota di ammortamento deducibile ai fini IRPEF e IRES
2018325 euro
2019650 euro
2020650 euro
2021650 euro
2022650 euro
2023650 euro
2024650 euro
2025650 euro
2026650 euro
2027650 euro

Puoi accedere al super ammortamento in modo automatico, in fase di presentazione del bilancio. È sufficiente che al momento della redazione del bilancio, il titolare o il legale rappresentante dell’impresa firmi un’autocertificazione in cui dichiara che il bene strumentale:

  • Possiede le caratteristiche necessarie per usufruire dell’agevolazione;
  • È utile in azienda per la produzione o la fornitura;
  • È stato consegnato durante l’anno.

Liberi professionisti

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare 4/E/2017 ha chiarito che possono applicare le agevolazioni super ammortamento non solo le imprese, ma anche i liberi professionisti, anche se esercitano la professione in forma associata. La deduzione si applica solo ai fini IRPEF e IRES e non ai fini IRAP.

Inoltre, possono usufruire dell’agevolazione anche le imprese e i professionisti che rientrano nel regime di vantaggio. Sono escluse le attività che operano in regime forfettario: in questo caso infatti le tasse dovute sono calcolate in base ad altri coefficienti di redditività e tra l’altro non pagano né IRPEF né IRES.

Newsletter

Ricevi gratuitamente le nuove guide di economia e di finanza di Soldioggi.it direttamente al tuo indirizzo email.

Dichiaro di aver letto e accettato le condizioni dell'informativa della privacy