Vendita auto tra privati

Se hai deciso di vendere la tua auto, oppure di comprarne una usata, ci sono alcune pratiche amministrative da portare avanti affinché la vendita si concluda in modo regolare, senza errori. La procedura consta di alcuni passaggi che vanno dalla trattativa, all’autenticazione della firma fino al passaggio di proprietà.

In questa guida completa sul contratto di vendita auto tra privati ti spiego come funziona, cosa fare, ti fornisco un atto di vendita scrittura privata sia con clausola di visto e piaciuto che senza, quali sono i costi e le tasse da pagare e le modalità di pagamento più opportune in questo caso.

Come funziona

La vendita dell’auto è un passo da non sotto valutare sotto il profilo pratico e burocratico: occorre seguire alcuni passi importanti affinché la vendita avvenga senza intoppi:

  1. Informati sul valore della tua auto. Probabilmente per te quell’auto ha un certo valore, perché l’hai trattata con molta cura o semplicemente perché ci sei affezionato. Il tuo punto di vista però, va valore pari a zero. Devi farti un’idea precisa del valore della tua auto, andando magari su siti specializzati di calcolo. Il valore infatti dipende soprattutto dall’anno di produzione, dal chilometraggio e, chiaramente, dallo stato di conservazione.
  2. Controlla che tutti i documenti siano in regola. Se tagliando, revisione, bollo sono scaduti, ti conviene rinnovarli. Un potenziale compratore apprezza molto il fatto che sia tutto in regola e può essere l’ago della bilancia.
  3. Dove vendere la tua auto usata. Le possibilità sono tante: puoi venderla a un rivenditore autorizzato, puoi promuovere la vendita su giornali specifici oppure affidarti a siti di vendita dell’usato e quindi occuparti di tutto tu.

Cosa fare

Dopo aver fissato il prezzo e sistemato i documenti, scatta almeno quattro foto alla tua auto (una frontale, una posteriore e due laterali). Inserisci quindi foto e annuncio nel sito internet di vendita che hai scelto. Nella descrizione è molto importante chiarire:

  1. Anno di immatricolazione;
  2. Chilometraggio;
  3. Stato degli interni (se inserisci anche una foto è meglio);
  4. Stato delle gomme;
  5. Stato dei pagamenti (se per esempio hai pagato recentemente la revisione o il bollo, è un aspetto molto apprezzato dal potenziale acquirente);
  6. Prezzo;
  7. Città in cui si trova l’auto.

Le modalità di pagamento sono tante, ma spesso la modalità preferita è quella tramite assegno circolare, che l’acquirente consegna al momento della firma del passaggio di proprietà e di consegna effettiva dell’auto. L’assegno circolare è una maggiore garanzia rispetto al classico assegno bancario: con il circolare, la banca che lo ha emesso ti sta accertando che l’assegno è coperto. In caso di semplice assegno bancario invece non hai alcuna certezza.

Atto di vendita

Dopo che acquirente e compratore si sono accordati sul prezzo, a questo punto ci sono due possibilità:

  1. Rivolgersi a un’agenzia pratiche automobilistiche, che ti seguirà per tutto il percorso, occupandosi della stesura dell’atto e di tutti gli aspetti burocratici.
  2. Fare tutto da solo.

Vendita fai da te

Ecco cosa fare se hai deciso di vendere la tua auto senza l’aiuto di un’agenzia pratiche auto.

Venditore e compratore devono redigere l’atto di vendita. Questo atto va poi autenticato, presso uno dei seguenti uffici:

  1. Sezione ACI;
  2. Comune;
  3. Agenzie pratiche auto convenzionate con lo Sportello Telematico dell’Automobilista;
  4. Notaio.

Se l’autentica avviene presso l’ACI oppure presso un’agenzia convenzionata con lo Sportello, bisogna procedere contestualmente al passaggio di proprietà, negli altri tre casi invece si ha tempo entro 60 giorni dalla firma. La scelta più pratica è quella di rivolgersi a un’agenzia convenzionata con lo Sportello Telematico in modo da ottenere subito i documenti necessari e l’aggiornamento al P.R.A. e alla Motorizzazione Civile.

Contratto

L’atto di vendita può essere redatto, a scelta, in due modi:

  • Direttamente sul CdP (Certificato di proprietà). Sul retro del CdP infatti c’è una sezione dedicata alla “Vendita” dell’auto: E’ molto semplice da compilare: basta inserire i dati del compratore e del venditore e il prezzo. La firma poi va messa di fronte al funzionario per l’autentica (come ti spiegherò nei prossimo passi). La vendita tramite CdP è il metodo più utilizzato, perché semplice e pratico.
  • Redigendo una scrittura privata. È usata quando una o entrambi le parti vogliono inserire delle specifiche clausole. Tipico caso è quello della clausola visto e piaciuto, in cui l’acquirente dichiara di aver visto l’auto e di averla gradita; quindi questa clausola tutela il venditore da possibili ripensamenti dell’acquirente.

Scrittura privata

Di seguito trovi due modelli di contratto scrittura privata:

  • Scrittura privata (modello predisposto dall’ACI, ma senza clausola “visto e piaciuto”);
  • Scrittura privata con clausola “visto e piaciuto”.

Modello contratto scrittura privata ACI

Scarica subito il modulo fac simile PDF dell’atto di vendita con scrittura privata.

Modello contratto scrittura privata visto e piaciuto

Scarica subito il modulo fac simile compilabile WORD del contratto con scrittura privata e clausola visto e piaciuto.

Autenticazione

Dopo aver compilato il contratto, le parti non devono subito firmare: la firma va posta infatti dinanzi al funzionario autorizzato dalla legge. Puoi autenticare la firma presso:

  • Gli uffici ACI che gestiscono il P.R.A.;
  • La Motorizzazione Civile;
  • Le agenzie automobilistiche convenzionate con lo Sportello Telematico dell’Automobilista;
  • Il Comune;
  • Il notaio di fiducia.

Autenticazione presso il P.R.A.

Autenticando la firma al P.R.A., nello stesso ufficio potete registrare anche il passaggio di proprietà: ottenete subito il nuovo certificato di proprietà intestato al nuovo titolare e l’adeguamento del libretto di circolazione con i nuovi dati.

Documenti necessari da portare al PRA:

  • Certificato di Proprietà (CDP);
  • Marca da bollo da 16 euro;
  • Documento di identità del venditore (carta di identità o patente) + due fotocopie fronte retro;
  • Documento di identità del compratore (carta di identità o patente) + due fotocopie fronte retro;
  • Fotocopia del codice fiscale del compratore;
  • Libretto di circolazione del veicolo + due fotocopie.

Autenticazione presso il Comune

Dopo aver firmato dinanzi a un funzionario comunale, hai 60 giorni di tempo per registrare presso il P.R.A. il passaggio di proprietà, portando:

  • Atto di vendita (va bene fatto su CdP o con una scrittura privata a parte);
  • Certificato di Proprietà (CDP);
  • Due fotocopie fronte retro del documento di identità del compratore (carta di identità o patente);
  • Libretto di circolazione del veicolo + due fotocopie;
  • Fotocopia del codice fiscale del compratore;
  • Modello TT2119 compilato e firmato dal compratore e il modello allegato.

Modello TT2119

Scarica subito il modulo fac simile PDF del modello TT2119.

Allegato

Scarica subito il modulo fac simile PDF dell’allegato necessario.

Tasse

Il passaggio di proprietà ha un costo che comprende:

  • Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), l’importo non è fisso ma diverso per ogni provincia; maggiore è la potenza (in Kw) e maggiore può essere l’IPT;
  • Costi dovuti al P.R.A.: 20,92 euro;
  • Imposta di bollo: 29,24 euro;
  • Adeguamento libretto di circolazione: 27,02 euro.

Pagamento

Se stai comprando un’auto usata:

  • Non pagare mai in anticipo;
  • Evita il pagamento in contanti se l’importo supera i 1.000 euro;
  • Prova la vettura.

Se stai vendendo un’auto usata:

  • Non accettare assegni bancari ordinari ma solo assegni circolari;
  • Prima della consegna, fatti inviare una foto dell’assegno in modo da recarti in banca e verificare copertura e corretta emissione dello stesso.

Suggerimento

Trascorso un paio di mesi dalla vendita è consigliabile richiedere all’ufficio provinciale ACI o tramite il servizio online, una “visura” dell’auto indicandone la targa per controllare se tutto è andata a buon fine e risulta il nuovo proprietario.